domenica 3 aprile 2016

Cosa piace e non piace della mia cucina letteraria

«A parte la rubrica sulla cucina che per me potrebbe anche non esistere, nel mio piccolo ho contribuito al primato delle altre rubriche legate al mondo letterario e ciò mi fa piacere.»

Ivano Landi è un blogger e una persona che non te le manda a dire e dai suoi commenti si riesce sempre a trovare lo spunto per realizzare articoli a scopo di indagine del tipo Cosa piace e non piace della mia cucina letteraria. 

Mi piace ricordare che la rubrica è nata qualche anno fa dopo aver sognato che gestivo un ristorante dove venivano serviti soltanto piatti presi dai libri e dai romanzi di Hemingway

I post che realizzai in seguito ebbero molto successo ed allargare il tiro usando i momenti dedicati al cibo presi dai libri di altri autori non è mai stato così facile. 

Con il tempo ho ampliato ancora di più lo spettro d'azione della rubrica aggiungendo pure delle curiosità proprie degli autori: come gusti personali e altri aneddoti. 

Un qualcosa dunque che ha riempito e riempie l'appetito delle mie domeniche non solo in senso fisico. So però che a non tutti piace questo mio spazio domenicale. 

Ivano Landi non ha mai avuto problemi a dirmelo e anche altri lettori hanno commentato storcendo il naso alcuni post. Ma non ho mai svolto un sondaggio specifico. 

Vi chiedo così di dire la vostra, oggi, se ne avete voglia. In tutta libertà. 

Vi voglio bene. 

Grazie.

8 commenti:

  1. Mi dispiace che alcuni non gradiscano questo spazio domenicale dedicato alla cucina letteraria , io lo adoro e lo ritengo meritovole , se dovessi stilare una classifica , di occupare un posto sul podio .Naturalmente rispetto le preferenze do ciascuno ...i gusti sono gusti :-)buona domenica 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sei sempre molto vicina Marina, grazie

      Elimina
  2. A me piace molto!!!! MI sembra un'idea originale raccontare i gusti e le abitudini alimentari di molti scrittori e tutto il resto...insomma per me vai alla grande!

    RispondiElimina
  3. Parlare di un piatto o di una ricetta amata - oppure odiata, perché no - da uno scrittore o presente nei suoi libri è un pretesto per confrontarsi su altro, volendo. Nulla vieta di esprimere un'opinione sulla ricetta, così come su questioni prettamente "letterarie". Non mi pare sia una rubrica da rimaneggiare!
    Buona domenica Ferruccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo quello che dice Glò. Anzi, se vuoi, avrei un'idea per questa rubrica, credo sfiziosa...

      Elimina
    2. La vedo allo stesso modo Glò.
      Dimmi pure Massimiliano

      Elimina
  4. Ottima idea!
    Attendo gli sviluppi.
    Cristiana

    RispondiElimina