mercoledì 23 marzo 2016

La giusta mentalità è tutto

Più passa il tempo e più mi convinco che avere La giusta mentalità è tutto. Addirittura essenziale. Vale in tutte le cose. 

Potrete nascere ricchi, potrete nascere intelligenti, potrete nascere belli, ma se non valutate e affrontate le cose con la giusta mentalità renderete angosciante la vostra esistenza. 

Non puoi essere un bravo blogger se non sei convinto di esserlo. Non potrai mai essere un bravo pittore se non sei convinto di creare delle vere opere d'arte. Non potrai mai essere un bravo scrittore e scrivere un gran bel libro se non ami in maniera viscerale la tua scrittura. Non potrai mai essere amato se prima di tutto non ti ami. Non potrai mai arricchirti se escludi a priori la possibilità di diventarlo. Non si vince una corsa se non è presente in noi stessi la possibilità di vincerla. 

La mentalità e tutto. 

Lo so, dette in questo modo, possono sembrare delle cose retoriche gratuite messe lì per riempire un post. Ma non lo è affatto. 

Un sano atteggiamento è il metodo migliore per fare qualsiasi cosa e raggiungere qualsiasi obiettivo. E non dovete pagare nulla. 

Dovete solo avere la pazienza di lavorare su questo aspetto e renderlo il più possibile naturale. Un simile atteggiamento vi aiuterà a frenare la rabbia. A dare il giusto peso e a vedere con lucidità i problemi. A fare autocritica quando sbaglierete. 

Vi voglio bene. 

Grazie.

6 commenti:

  1. Se non amassi in maniera viscerale ciò che scrivo avrei già smesso di scrivere, per questo non capisco molto quegli esordienti o aspiranti scrittori che si fanno un sacco di problemi... starò facendo bene, starò facendo male, piacerò, non piacerò, ecc. ecc.

    RispondiElimina
  2. La tua analisi è giustissima ma personalmente ritengo che ci voglia tanta,ma tanta buona volontà per sentirsi sempre sicuri che ciò che si fa sia giusto...un pò come dire "io penso positivo" citando la famosa canzone...o no ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona volontà non manca mai con la mentalità giusta

      Elimina
  3. Credo che intanto quello che facciamo debba piacere a noi per primi. Se lo facciamo controvoglia o non siamo soddisfatti difficilmente piacerà agli altri.
    Essere insoddisfatti però significa anche pensare che si può fare di meglio e tentare di fare di meglio.
    In qualunque campo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo tipo di insoddisfazione mi piace

      Elimina