martedì 1 marzo 2016

Cinque scrittori letti al cinema e in televisione

Non fraintendete il titolo Cinque scrittori letti al cinema e in televisione. Seguitemi e capirete. Questa volta, tutto è nato per colpa di Elmore Leonard

Ero lì che guardavo la televisione e a un certo punto è partita la programmazione di un film western e quando nei titoli iniziali è apparso che la storia era tratta da un racconto dello scrittore di New Orleans ho subito pensato al numero dello volte che sono rimato sbalestrato nello scoprire che un determinato film era tratto da un romanzo che conoscevo o era frutto di un'idea di uno scrittore che amavo. 

Sono bizzeffe gli autori che potrei tirare in causa, ma ne ho scelto solo cinque. Penso quelli di cui ho visto il maggior numero di film tratti dalle loro storie. 

1 - Stephen King 
Nulla da fare. Sono più i film che ho visto tratti dai suoi racconti che i libri che ho letti. Qualche esempio? Shining, Il miglio verde... ma sono una marea anche se per me il top rimane Ricordi di un'estate

2 - Elmore Leonard 
Come è logico lo spunto di questo post è partito da Leonard e non potevo tralasciarlo. Non so quanti western ho visto tratti dai suoi racconti. E rimango sorpreso ogni volta che ne vedo uno. Joe Kidd, Io sono Valdez, Quel treno per Yuma... Pietre miliari del cinema western, chissà come sarebbe stato il genere senza il buon Elmore

3 - Ernest Hemingway 
Di Ernest Hemingway ho visto tutto il possibile. Imbattibile la versione di Per chi suona la campana, ma anche il Santiago interpretato da Spencer Tracy non scherza. Per uno che adora Papa vedere le sue storie in televisione 

4 - Philip K. Dick
Con Dick tutto è partito da Blade Runner, ma con il tempo i racconti tratti dalle sue storie che mi sono visto sono una cifra considerevole. Segno del valore e dell'influenza di questo grande scrittore. 

5 - John Grisham 
Un altro autore che incontro sempre al cinema.  Le storie portate nel mondo della celluloide che hanno come protagonisti avvocati e giurie hanno quasi sempre il suo zampino d'autore. Quelle recenti, intendo, naturale. 

Ce ne sono altri? 

Vi voglio bene. 

Grazie.

16 commenti:

  1. Riconosco lo zampino di Stephen King in un film anche ad occhi chiusi,mi rendo conto immediatamente, anche se magari non ho mai letto quel determinato romanzo,che è tratto da un libro scritto dal "RE"! Ci sono anche tanti altri scrittori che hanno visto i loro romanzi proiettati al cinema,al momento mi viene in mente il film La casa degli spiriti di Isabel Allende,splendido !!! E poi c'è Dan Brown con Il codice da Vinci e Angeli e demoni,in questo caso la versione cinematografica mi ha deluso tanto! Ciao e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  2. Shining è forse uno dei pochi film meglio del libro da cui è tratto. I film tratti da romanzi e racconti di Dick sono talmente stravolti da avere solo un tenue legame con l'origine: basta pensare a Next, dove ho faticato a riconoscervi L'Uomo Dorato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente non voglio fare un'esamina critica, dove hai del tutto ragione. Un post nato dalla curiosità!

      Elimina
    2. Sui film "dickiani": anche Blade Runner e Total Recall (quest'ultimo dato in Italia col titolo tradotto alla pene di mastino "Atto di forza") stravolgono completamente l'idea originale dello scrittore. Be', va detto che quello da cui è stato tratto Total Recall non era tra i migliori racconti di Dick; nonostante l'Arnoldino (che più o meno fa a gara con Chuck Norris come "capacità" recitativa), il film si è rivelato migliore del racconto, proprio com'è successo a Shining.

      Elimina
    3. Sono d'accordo. Non ho letto Total Recall, ma un paio di volte ho letto gli androidi sognano pecore elettriche e sono due cose diverse. Ma ripeto non vuole essere un post critico, solo informativo.

      Elimina
    4. Da quel che ho letto, mi risulta che Ridley Scott per "Blade runner" non si sia ispirato tanto al libro di Dick quanto invece al fumetto di Moebius "The long tomorrow".

      Elimina
    5. Non so, ho letto il libro e ci sono molte assonanze. C'è molto del romanzo di Dick

      Elimina
  3. Il signore degli anelli, direi.... lo hobbit...
    Poi gli sceneggiati dei vecchia memoria tipo Il conte di Montecristo con Andrea Giordana.... qunado Berta filava.

    RispondiElimina
  4. E il Camilleri che sta impazzando sulla carta e in TV? Non ho letto manco un romanzo sul commissario Montalbano, ma i film li ho visti quasi tutti.

    RispondiElimina
  5. Per me film e libro sono due opere differenti e, fortunatamente, non faccio mai il confronto (salvo l'apprezzare o meno la riuscita di ciascuno come "tipologia").
    Ce ne sono infiniti esempi, cito il bellissimo Colazione da Tiffany con la strepitosa Audrey, e l'incredibile omonimo romanzo di Capote, che ci conduce ben oltre la patina sofisticata e perbenista del film (ricordiamo il contesto sociale di allora).
    Via col vento, le miniserie recenti Mildred Pierce, Al paradiso delle signore e Olive Kitteridge, alla voce Kubrick si apre un mondo di libri... :P Listona infinta eh :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho anche io lo stesso approccio quando guardo un film tratto da romanzi o da testi teatrali.

      Elimina
    2. anche io non faccio confronti. Ripeto non è un post di critica. Ho solo constatato che quando noto che un film è tratto di un racconto di uno scrittore che conosco mi sento importante! LOL

      Elimina
  6. Ottimo il tuo promemoria ! Aggiungo Marquez che fu pure sceneggiatore dei film tratti dai suoi romanzi

    RispondiElimina