venerdì 26 febbraio 2016

Tenete un quaderno di appunti

«Tenete un quaderno di appunti. Tenetelo con voi mentre viaggiate, mentre mangiate, mentre dormite. Sbatteteci dentro ogni pensiero vagabondo che vi svolazza nel cervello.» 

Nei giorni scorsi ho consigliato a una persona con la quale sono in rapporti di lavoro di tenere e avere sempre in mano un quaderno o qualcosa dove scrivere appunti e idee. Io lo faccio, si può dire, da quando sono entrato nel mondo del lavoro. 

A scuola avevo sempre sottovalutato questo aspetto, non avendo mai riscontrato problemi, ma una volta nel mondo del lavoro mi sono accorto che le regole erano diverse e credo di aver fatto bene a seguire il consiglio di uno dei miei datori dei primi tempi. 

Da allora ho sempre a disposizione una penna o una matita e un foglio di carta o un notes, ora più che mai anche un cellulare dove non mi è difficile scrivere o registrare il lampo di genio frutto del momento. 

Me ne porto in giro uno ovunque e ci scrivo tutto quello che mi passa per la mente che considero di valore. Molti spunti per racconti sono nati in questo modo e grazie alle note scritte credo di aver evitato qualche grana di ordine pratico. 

Un sistema che mi aiuta molto anche nella mia attività di blogging visto che mi permette di mettere da parte molto materiale da cui attingere nei momenti di magra. Insomma credo che una persona di questi tempi non possa farne a meno. 

Dopotutto anche un autore culto del secolo scorso, come potete vedere dal testo tra caporali all'inizio del post ne dava la massima importanza: vero Jack London

Vi voglio bene. 

Grazie.

8 commenti:

  1. Sicuramente una buona idea per chi svolge un lavoro quale è il tuo,per quanto mi riguarda vado avanti a post-it che attacco ovunque a casa,cosi non dimentico nulla ;-)...comunque questo tuo post mi ha riportato alla mente quando,ancora ragazzina ( o meglio bambina) con mie sorelle tenevamo un quaderno immaginario dove annotare tutte le "monellerie" di una nei confronti dell'altra da presentare a mio padre quando la sera tornava da lavoro,un dispetto= una annotazione!Ciao e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  2. Ho tutto in testa ma non riesco a dirlo XD (citazione eh!)
    Ho sempre un notes con me, ma effettivamente negli ultimi tempi scrivo molto poco :P Appunti mentali, che talvolta dimentico, purtroppo :P
    Prima o pi scriverò qualcosa di tremendo su London XD E anche questa tua citazione ad inizio post mi darebbe modo di manifestare le mie perplessità sullo scrittore :D
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi piace LUI, vedi Martin Eden o.O I romanzi d'avventura, sì. Ma è sopravvalutatissimo come scrittore in quanto a stile.

      Elimina
  3. Quaderni? Notes? Agende? Dappertutto!!! Anche perch è la memoria non esiste più :)))
    E poi, se sul momento non lo trovo. perchè capita anche questo, scrivo dovunque.
    Poi copio su un quaderno che uso solo per il blog, di quelli con gli anelli a cui si possono aggiungere tutti i fogli che si vuole.
    Sono sempre un'ottima scorta questi appunti.

    RispondiElimina