sabato 27 febbraio 2016

C'era una volta

C'era una volta un ragazzo che aveva tre pagine facebook. Le pagine si chiamavano Blog di Ferruccio Gianola, Il gatto che sognava di essere un delfino e Serpenti Velenosi

Il ragazzo le aveva create in tempi diversi e naturalmente per obiettivi diversi. Ogni pagina aveva quindi una vita e una filosofia propria. 

Il ragazzo le gestiva con costanza, coerenza e impegno ma era evidente che "fosse necessario  e confidasse in un forte coinvolgimento esterno e una forte opera di condivisione e d'aiuto"


La prima pagina a cui il ragazzo aveva dato vita era il 


Il ragazzo l'aveva creata per lanciare in contemporanea sul social di Mark Zuckerberg i contenuti del suo blog Otium e tutto quello che riteneva consono per la sua attività di blogger
Era partita alla grande e i primi tempi aveva ottenuto molto successo ma dopo quattro anni sembrava essere giunta a un punto morto senza un investimento di tipo economico. 



La seconda pagina a cui il ragazzo aveva dato vita era quella de 

Il ragazzo l'aveva creata per dare visibilità al suo romanzo: una favola di crescita personale. Era piena di vitalità nonostante al momento non fosse pubblicizzata nel modo migliore. Tuttavia il ragazzo credeva molto nelle sue potenzialità e sapeva che con l'uscita del libro sarebbe decollata in maniera esponenziale. 



L'ultima pagina a cui il ragazzo aveva dato vita era quella sui 

Il ragazzo sbavava per essa. Credeva moltissimo in questo suo progetto e nel libro associato. Per il momento la pagina era ancora soltanto un gioco, ma le prospettive di sviluppo scientifico e professionale erano senza fondo. Occorreva molta credibilità e molto lavoro per realizzare il tutto. Ma sapeva di non essere solo... 

Vi voglio bene. 

Grazie a tutti per i like.

8 commenti:

  1. Tutte cose da integrare in una pagina statica dedicata alla tua presenza nel web, no?

    RispondiElimina
  2. Perchè c'era una volta? C'è un ragazzo che ha 3 pagine ;-)ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  3. Potresti aprirne una quarta su Hemingway, sei un esperto anche della narrativa dello scrittore americano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi casi ci sono dei problemi di altro genere, ma farò un post al volo

      Elimina