giovedì 10 dicembre 2015

Scrivere ad alta voce

Ho già scritto varie volte che un blogger deve essere pronto a tutti i suggerimenti e a tutti gli spunti che gli passano per la mente e di conseguenza fare degli esperimenti

Questo articolo ne è l'esempio, visto che è stato ispirato dal post di qualche settimana fa Leggere ad alta voce

Quel post mi ha aiutato mica poco e mi sono accorto che un po' alla volta sto anche scrivendo ad alta voce. Anzi, tanto per essere precisi, vi dirò che questo articolo è stato scritto tutto sotto auto dettatura. Me lo sono dettato da solo. 

Ora non so se questa modalità di scrivere ad alta voce è una pratica che si usa tra chi scrive. Non so se porta dei vantaggi o se mi sono soltanto preso io una fissa. Però devo confessare che non è mica male sentire il proprio tono di voce che coordina le mani mentre digitano i testi sulla tastiera del computer. 

Quello dello scrittore è un lavoro solitario e parlando ad alta voce, oltre a tenermi compagnia, mi fa sembrare di essere ancora più dentro i miei scritti. Tanto non c'è nessuno ad ascoltarmi e a dirmi che sono matto. 

La sensazione, però, che con questo meccanismo qualche errore in più riesco a coglierlo e a evitarlo mi fa apparire il tutto un qualcosa di professionale e non solo un capriccio. Tanto che mi sento in dovere di consigliarvi di fare lo stesso

Naturalmente se mentre scrivete siete soliti ascoltare della musica o a servirsi di altri trucchi per non sentirvi soli, il mio suggerimento è inutile, ma se come me scrivete da un bunker ovattato e con un silenzio di tomba, lasciatemi dire che vale la pena provare. 

Grazie!

24 commenti:

  1. Qualsiasi metodo che ci consenta di mantenere un contatto profondo con ciò che facciamo è benvenuto!
    Più siamo consapevoli del nostro lavoro, migliori saranno i risultati.

    RispondiElimina
  2. Come per l'articolo precedente da te segnalato, mi ripeto copia-incollando pedissequamente :P dicendo che al più rileggo a voce alta solo quei passaggi -già scritti- che risultano non suonare bene nella mia mente. Ti dirò di più: forse mi distrarrebbe dettarmi qualcosa.

    RispondiElimina
  3. Il massimo che ho provato a fare, è registrare (quindi a alta voce) una cosa che poi ho trascritto^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Non scrivo "ad alta voce" però rileggo diverse volte ciò che scrivo...un'unica condizione,devo essere circondata da assoluto silenzio ;-) ciao Ferruccio e buon pomeriggio !

    RispondiElimina
  5. Con tutto il rispetto NON seguirò il consiglio. Anzi, queste sono proprio cose che odio, così come odio gli audiolibri... :-)
    Scrittura e Lettura soon per me Magie Silenziose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci mancherebbe Zio, Gli audio libri non vanno neppure a me. Però se fosse la mia voce...

      Elimina
  6. A me piace scrivere nel silenzio... non ascolto neanche musica. Però credo che quella di scrivere ad alta voce sia una pratica abbastanza diffusa, anche se l'unica testimonianza certa che ho al momento è quella su Robert Ervin Howard, il creatore di Conan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. interessante quella di Howard. Se ne fossi stato a conoscenza l'avrei usato come spunto.

      Elimina
  7. Passo da una condizione all'altra, in base a come mi gira, ovvero silenzio o musica (e di vario genere, anche sperimentalismo/rumorismo). Ma sentire la mia voce, no grazie eh o.O
    Buona serata ^_^

    RispondiElimina
  8. Nessuno ti dice che sei matto finché non lo racconti in giro: sei matto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhahah, no, no sono più savio di molti altri!

      Elimina
  9. Devo dire che a me è capitato di scrivere pronunciando le parole ad alta voce, quando me ne sono reso conto ho pensato a me stesso come ad un pazzo, che dire... forse è così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho pensato anche io, ma non si è pazzi per così poco!

      Elimina
  10. Allora siamo matti in due Ferruccio :))
    Non lo faccio sempre perchè c'è già la nonna che parla in continuazione e di qualunque cosa le passi per la testa. E' più facile che mi detti le cose parlando "dentro di me", in silenzio.
    Quando riesco a parlare ad alta voce, però, mi accorgo che riesco a seguire l'idea che ho già in testa. A scrivere quello che avevo pensato. Diversamente, pur avendo pensato ad una cosa, se scrivo in silenzio mi ritrovo a mettere giù tutt'altro.

    RispondiElimina
  11. Ci provo, altroché! Se nella revisione la sensibilità aumenta leggendo ad alta voce, lo stesso può succedere anche scrivendo. Grazie del consiglio!

    RispondiElimina