domenica 8 novembre 2015

I filetti di acciughe di Wolfgang Goethe

Imm. Wikipedia Pubblico Dominio
Prima di Hemingway c’era Goethe. Forse perché ognuno di noi ha avuto una bella storia d’amore finita male e immedesimarsi nel Wherter (almeno in parte) non è una vergogna. 

Ma oggi è domenica è non voglio farvi piangere per gli amori non corrisposti ma bensì stimolare l’appetito con la mia rubrica dedicata alla cucina e siccome ho sperato nell’aiuto di Goethe più di una volta oggi è arrivato. 

Non si tratta di momenti culinari presi dai suoi romanzi, ripensandoci non ne ricordo molti, e per quanto riguarda i suoi taccuini non ho mai letto nulla, tuttavia ho trovato un post in cui mi si cita il suo piatto preferito non posso fare e meno di renderlo pubblico tramite un post. 

Allora Goethe a quanto si dice amava la vita, le donne, il vino e la buona cucina. Da adolescente fu un grande appassionato di cacciagione: fagiani, pernici, beccacce, allodole. Si racconta che riuscisse a bere anche tre bottiglie di vino al giorno: di solito beveva vino bianco, a volte champagne. 

Si racconta che amasse in modo particolare la salsa verde di Francoforte, ma sopratutto andasse pazzo per i Filetti di acciughe con patate al prezzemolo. Vi confesso che solo a pensarci mi viene l’acquolina in bocca, e non sembra neppure difficile da preparare. 


Conosci la terra dei limoni in fiore, 
dove le arance d'oro splendono tra le foglie scure, 
dal cielo azzurro spira un mite vento, 
quieto sta il mirto e l'alloro è eccelso, la conosci forse? 
Laggiù, laggiù io 
andare vorrei con te, o amato mio! 

Fonti: Goethe, der Gourmet

Grazie!

17 commenti:

  1. Sapevo questi aspetti curiosi della vita di Goethe... certo che tre bottiglie di vino al dì è un po' d'alcolizzato. :p


    Ispy

    RispondiElimina
  2. Beh, ora ne mangerei pure io un piatto... accompagnati proprio dalla salsa verde di Francoforte^^

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Bè ha visitato l'Italia soggiornandovi per più di due anni, qualcosa avrà imparato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente. c'era anche la pasta tra i suoi piatti preferiti.

      Elimina
  4. Non ho molta simpatia per i filetti d'acciuga,posso giusto tollerarli in piccolissima quantità sulla pizza ;-) ...3 bottiglie di vino al giorno la dicono lunga su Goethe ,amava "anestetizzarsi" il cervello a quanto pare :-D Ciao Ferruccio di auguro una serena domenica sera !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di aver letto bene!
      Buona serata a te!

      Elimina
  5. Pensare che io vorrei andare "su", dalle parti di Goethe XD Più che mite inverno, per adesso è eterno autunno molto temperato, qui. E io voglio il freddo! Però ho le acciughe ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Francoforte ci sono stato. Bella città!

      Elimina
  6. Non dovresti limitarti a elencare i piatti, ma metterli in download :9

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un blog simile alla realtà virtuale. Già!

      Elimina
    2. Ecco, ecco, questa sarebbe una gran bella cosa.

      Elimina
    3. Io mi impegno nel proporre idee sensate, le quisquilie tecniche le lascio agli altri ;-)

      Elimina