lunedì 26 ottobre 2015

Il primo #nobel italiano della letteratura

Imm. Wikipedia
«Non solo in riconoscimento dei suoi profondi insegnamenti e ricerche critiche, ma su tutto un tributo all'energia creativa, alla purezza dello stile ed alla forza lirica che caratterizza il suo capolavoro di poetica.»

Quello che avete appena letto non è altro che la motivazione espressa dalla giuria quando assegnò il premio nobel per la letteratura nel 1906 al poeta e scrittore Giosuè Carducci: Il primo #nobel italiano della letteratura

Un Record letterario facile facile, a cui avrei dovuto pensare da tempo, ma che solo in questo periodo mi è stato suggerito dall’inconscio. 

Un modo anche per ricordare, come suppongo per molti altri, anche i primi anni scolastici contraddistinti dalla presenza in classe delle sue poesie. Dopotutto chi non la ricorda. Chi non ha dovuto imparare a memoria...  


La nebbia a gl'irti colli 
piovigginando sale, 
e sotto il maestrale  
urla e biancheggia il mar; 

ma per le vie del borgo 
dal ribollir de' tini 
va l'aspro odor dei vini 
l'anime a rallegrar. 

Gira su' ceppi accesi 
lo spiedo scoppiettando 
sta il cacciator fischiando 
su l'uscio a rimirar 

tra le rossastre nubi 
stormi d'uccelli neri, 
com'esuli pensieri, 
nel vespero  migrar. 

Confesso di essere particolarmente stupito dal fatto che ancora quasi la ricordavo tutta. E voi?

Grazie!

19 commenti:

  1. Io? Solo i primi due versi, da "La nebbia" a "sale".

    RispondiElimina
  2. a me è toccato di imparare a memoria LA LEGGENDA DI TEODORICO (e c'era poco da scherzare con la terribile prof Rosmo...)
    meno male che, tra i banchi, circolava la parodia; ad esempio al verso "Teodorico da Verona, dove vai tanto di fretta?" seguiva "Vado a fare la caghetta"

    RispondiElimina
  3. Se la ricordo ancora devo sicuramente darne merito a Fiorello che penso abbia riportato un pò tutti noi indietro nel tempo,quando con il grembiule nero,colletto bianco con relativo fiocco, ripetevamo questa splendida poesia al cospetto della maestra :-D

    RispondiElimina
  4. Non avevo dubbi ;-) ciao e buona serata Ferruccio !

    RispondiElimina
  5. Una poesia che è rimasta impressa nella mia memoria, dalle elementari; ma c'è da dire che il mio maestro era mitico! L'esercizio dell'imparare a memoria si faceva ovviamente, ma sempre accompagnato da attività stimolanti e pratiche. Si lavorava spesso manualmente, iniziando progetti veri e propri, partendo da un testo/poesia.
    Sono stata molto fortunata!
    Ciao Ferruccio e buona serata ^_^

    RispondiElimina
  6. Anch'io la ricordavo tutta, e anche mio marito, e praticamente tutte le persone che conosco! Che roba, indelebile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indelebile davvero, per molta gente

      Elimina
    2. Ora che ci penso, non metto il punto nei commenti per lasciare aperta la discussione, c'ho fatto un post domenica, giovedì lo pubblico

      Elimina
  7. curioso sincronismo, trattandosi di argomento che non serpeggia certo in tv o in rete: proprio ieri con mio marito dicevamo la prima strofa senza ricordare il seguito.... almeno lui ricordava che c'entravano i tini...io neanche quello :-D
    Comunque voglio aggiungere che quando ero ragazza i professori delle medie dipingevano Carducci come un erudito, ma non come un grande poeta, dando la preferenza ad altri. A me piaceva molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O dei ricordi annebbiati per quanto riguarda i poeti

      Elimina