giovedì 23 luglio 2015

Un libro per l’estate: Revenant di Michael Punke

Con il tempo sono arrivato al punto di convincermi che Leonardo di Caprio sia una dei più grandi attori contemporanei. 

Ciò significa che non mi perderò assolutamente la visione del suo nuovo film appena mi sarà possibile. Nel frattempo, metto le mani avanti e le allungherò, anche in questo caso appena mi sarà possibile, le mani sulla copertina del libro da cui è tratto questo suo nuovo film, Revenant di Michael Punke

Sapete che non sono solito a sbilanciarmi a favore di romanzi e libri in generale. A questo proposito lascio parlare la mia vetrina o vi lascio alle conclusioni che siete in grado di trarre leggendo gli articoli del mio blog. Ma Revenant ha tutta l’aria di essere un romanzo che farà la storia nella mia libreria e un libro per l’estate perfetto.

C’è tutto quello che adoro nel racconto di Punke. 

Tutto è incentrato sulla storia di Hugh Glass, un esploratore e cacciatore di pellicce che nel 1822 prende parte a una spedizione lungo il fiume Missouri e i suoi affluenti. Un territorio selvaggio e misterioso lungo la Frontiera, tra nativi bellicosi e trapper vigliacchi. 

Glass assalito e lasciato mezzo morto da un orso viene abbandonato e derubato dai due compagni. Ma non muore. E tra cronaca storica e leggenda il libro racconta la sua vendetta. 

Un libro che rispecchia in pieno la mia passione per quel territorio e per quel periodo storico visto che ne ho parlato diverse volte. Non so magari non sarà nulla di speciale. Magari risulterà una delusione ma Revenant è il mio libro dell’estate

Incipit:  
Lo volevano abbandonare. L’uomo ferito ne ebbe la certezza quando guardò il ragazzo e lui abbassò gli occhi e guardò dall’altra parte, perché non riusciva a sostenere lo sguardo.

Grazie per la lettura!

11 commenti:

  1. Questa è una coincidenza incredibile, se la sorte mi sarà favorevole a settembre o a ottobre capirai perché ti dico questo. Incrocio le dita. Complimenti per il post.

    RispondiElimina
  2. ha ragione anonimo: tu e il tuo blog avete rotto i coglioni XD aahahahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ci mette la faccia ha sempre ragione LOL

      Elimina
  3. Concordo con il tuo giudizio su Di Caprio,è veramente un grande attore e proprio per questo la storia preferisco godermela sullo schermo in quanto non sono le storie che mi piace leggere,sono certa che abbandonerei il libro molto presto,deciderò comunque dopo aver visto il film :-D

    RispondiElimina
  4. Leonardo di Caprio è un grande attore, come altri (Brad Pitt per esempio o anche R. Redford) è stato penalizzato dall'essere bello e tutto sommato sobrio. In genere si preferiscono i mascalzoni, che io definirei in altro modo.
    Il libro ispira moltissimo *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ragazzo si farà
      Non dirlo a me,sapessi come mi attira questo libro

      Elimina
  5. Ogni volta che confesso che Di Caprio è in assoluto il mio attore preferito, le persone reagiscono con un sorrisetto, come a dire va be' è perché è bello. Ma ha interpretato alcuni dei migliori film prodotti negli ultimi anni. Questo per dire che sono felice di incontrare finalmente qualcuno che la pensa come me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sonia è il numero uno, non sei sola :-D

      Elimina
  6. Ciao! Lo hai poi letto il libro? E intanto complimenti a Leonardo DiCaprio che, oltre ad essere un grande attore, è pure una bellissima persona (non inteso di bell'uomo, cioè quello anche ;), ma proprio persona con valori belli, che io condivido)

    RispondiElimina