sabato 27 giugno 2015

Sex & Dragon. Lo scudiero di Alain Voudì in vetrina

Un altro scrittore che si presenta con un racconto di Edizioni Imperium in vetrina: questa volta per la collana eros fantasyÈ Alain Voudì con il suo Sex & Dragon. Lo scudiero. Un testo con un’illustrazione di copertina di Franco Brambilla

Non esistono più i nobili cavalieri di una volta. E nemmeno i grandi draghi di una volta. E neppure le dolci principessine di una volta. Da quando un letale drago sputafuoco ha rapito l’incantevole principessa Viola, innumerevoli cavalieri hanno affrontato l’attraversamento del deserto verso la rocca di Pedrardiente dove la poverina è tenuta prigioniera, ma nessuno ne è mai tornato. Riusciranno l’anziano Ser Alonso e il suo giovane e piacente scudiero Pedro a trionfare laddove così tanti hanno fallito? 


Incipit: 
Pedro si passò la mano sulla fronte, tergendosi il sudore prima che gli colasse di nuovo negli occhi, e sollevò lo sguardo sulla pista assolata e polverosa. 
L’aria rovente stagnava sulla pianura riarsa, facendo oscillare i contorni sfumati delle rocce lontane e disegnando talvolta sulla sabbia ingannevoli specchi d’acqua. La prima volta che aveva visto uno di quei miraggi, rimbecillito dal caldo, Pedro vi si era lanciato a capofitto, ed era stato solo grazie al richiamo divertito di Ser Alonso se si era salvato dal disastro. 
L’unico modo sicuro per riconoscere l’acqua, ammesso che ve ne fosse una sola goccia in quel luogo desolato, sarebbe stato quello di affidarsi all’olfatto delle loro cavalcature: così gli aveva insegnato il suo padrone, e così Pedro avrebbe fatto, nel momento in cui il suo sfinito ronzino si fosse risvegliato dal suo coma apparente e avesse rialzato il muso dalla polvere. 
Ma, in quel momento, sia il povero Juan sia il suo ben più fiero compagno Javier sembravano troppo abbacchiati per pensare ad altro che arrancare stancamente tra i sassi del sentiero, una zampa dopo l’altra, verso una destinazione che, anche dopo tutti quei giorni di cammino, sembrava non avvicinarsi mai.



Alain Voudì nasce a Genova ma vive in giro per il mondo. Grande appassionato di lettura e di scrittura, è stato vincitore o finalista in molti concorsi letterari, tra i quali RiLL, Stella Doppia, Robot e Algernon Blackwood

Molti suoi racconti sono usciti nel Giallo Mondadori, sulle riviste Robot, Delos Science Fiction Magazine, Fantasy Magazine e Writers Magazine Italia, oltre che nella serie “365 storie per un anno” (Delos Books), nella collana FantaErotika (Lite Editions) e nelle antologie “Il Cerchio Capovolto” (I Sognatori, 2011 e 2012). 

Collabora fin dai primordi alle collane Delos Digital, per le quali firma tra l’altro la fortunata serie western-punk “Trainville” e diversi episodi della collana “The Tube”. “Sex & Dragon” è la sua prima collaborazione con Edizioni Imperium


Per partecipare alla vetrina, ora anche su google plus, seguite le istruzioni su Una settimana su facebook, oppure scrivete a Ferrugianola@hotmail.com 

Grazie per la lettura!

3 commenti:

  1. Di Voudì ho adocchiato il ciclo Trainville: mi pare una contaminazione interessantissima *__*
    La narrativa erotica e sue accezioni non fanno per me!
    Buon week end! ^_^

    RispondiElimina