mercoledì 3 giugno 2015

Gente che va, gente che viene

Il mio blog è come un porto di mare. Come un bar della riviera. Gente che va, gente che viene. Nell’arco di un paio di anni le statistiche mi mostrano un ribaltamento per quanto riguarda le caratteristiche dei visitatori. 

Come potete ben vedere dalla palla presa da analytics, il ricambio di visitatori di questo ultimo mese è stupefacente. 

Solo un venti per cento ritorna ogni giorno (circa duecento), di solito sono anche la metà del numero del persone che leggono il post del giorno, ma ben l’ottanta per cento del mio traffico è sempre nuovo e sempre veicolato dai motori di ricerca. 

Questo comportamento si è letteralmente trasformato in questi ultimi due anni, tanto che poco alla volta mi ha convinto a lasciar perdere lo spam e tutta una serie di altri trucchi che ho usato dall’inizio della mia attività nel mondo del blogging sino a pochi mesi fa per promuovere i miei articoli. 

Certo ora andrebbe analizzato se un ricambio così alto sia positivo o meno. Andrebbe capito se post veicolati da parole chiavi bene indicizzate (con certi articoli sono vicino alle 100.000 letture e ogni giorno mi portano nuovi commenti) siano un bene o siano un male. 

Nel frattempo mentre cerco di capirci qualcosa,  giro a voi la frittata: sulle vostre piattaforme gli utenti sono sempre quelli o ogni giorno si presentano facce nuove in maniera preponderante? 

Grazie!

16 commenti:

  1. Madonna, vorrei fare i tuoi numeri!! **

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Tu erpetologo e io geologo. Potremmo scrivere a quattro mani "Il serpente nella roccia" o "La roccia del serpente" ^^

    RispondiElimina
  3. Per quel che concerne i miei numeri dovrei togliere almeno tre o quattro dei tuoi zeri. :-p
    Complimenti!

    RispondiElimina
  4. E' sicuramente un bene :) complimenti per questi bei numeri !

    RispondiElimina
  5. I miei lettori sono più o meno sempre gli stessi, ma devo dire che non ho mai messo mano ai criteri SEO, perciò sul motore di ricerca devo essere in novantesima pagina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è detto che dipenda dal SEO. a volte sei lì davanti senza saperlo

      Elimina
    2. Non c'è un senso. A me capita di essere nella serp senza pensare al SEO, a volte invece succede il contrario: fai di tutto per esserci e non ne ricavi un fico secco

      Elimina
    3. Ah, sì. Credo però che serva pensarci un attimo almeno mentre si imposta il blog, tanto per non partire già penalizzati, invece che da zero. Ma forse è l'ignoranza a farmi pensare questo.

      Elimina
    4. all'inizio non sapevo quasi niente. ma anche oggi se in google digiti "sorte signo Rossi" sono il primo

      Elimina