venerdì 15 maggio 2015

Collane editoriali: libri dal fascino particolare

Non so voi, ma per il sottoscritto le Collane Editoriali delle case editrici hanno sempre suscitato un fascino particolare. Adesso questo attaccamento si è un po’ affievolito ma sino a una decina di anni fa sono state la mia fonte di approvvigionamento principale per quanto riguarda romanzi e opere on generale. 

Andavo in un libreria, guardavo le colorazioni degli scaffali e sapevo subito dove orientare la mia ricerca, mirata come un missile teleguidato. 

Ora non so se avrei riempito lo stesso la mia casa con i romanzi di Hemingway, di Faulkner, di Francis Scott Fitzgerald e molti altri se non li avessi trovati negli Oscar Mondadori. Non so neppure se mai avessi letto l’Ulisse di Joyce o qualche altro grande lavoro contraddistinto da un tenue colore rosso che particolareggiava in parte le copertine dei Grandi Classici, sempre delle Mondadori

Ma ricordo con piacere anche il marrone predominante del Oscar Classici con i drammi e le commedie di Shakespeare, il Moby Dick di Melville, diverse opere di Dostoevskij… 

Forse non sono normale, ma ci sono opere che ho aspettato ad acquistarle e a portarle a casa solo perché al momento non facevano parte di certe collane

Collane che non si fermano a quelle che ho citato. 

Sempre per la Mondadori ho diversi romanzi della  Piccola Biblioteca. Per la Fanucci ho tanti volumi dei Tascabili Fantastici. E poi ho in casa molti libri della Bur della Rizzoli, Gli Adelphi di Adelphi Edizioni… 

Per ultimo non posso dimenticare gli Urania che compravo però in edicola, magari in stazione quando dovevo fare un viaggio in treno. Ora la facilità con cui si recuperano gli eBook, la stessa facilità con cui vengo omaggiato settimanalmente da libri, mi hanno levato la necessità di andare in libreria. E mi spiace non poter più rimpinguare le mie Collane

Grazie per la lettura!

12 commenti:

  1. I vecchi Oscar esercitavano un discreto fascino anche su di me. La stessa Urania ha una veste grafica davvero splendida (quando aveva anche le copertine di Thole era il massimo). Aggiungo volentieri la Biblioteca Adelphi, mentre non mi sono mai piaciute le confezioni Einaudi.

    RispondiElimina
  2. Una collana dove andavo spesso a cercare grandi autori era Adelphi

    RispondiElimina
  3. Dici "Forse non sono normale" ma non ti preoccupare Ferruccio sei normalissimo :-) perchè le collane hanno sempre suscitato un particolare interesse in tanti di noi,ho subito e subisco tutt'oggi tutto il fascino dei gialli Mondadori e ricordo con particolare affetto l'amore che un mio caro zio aveva nei confronti delle collane edite da Selezione R. D.,aveva interi scaffali dei loro romanzi ! Quindi sei in buona compagnia :-D ciao buona giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio papà aveva Selezioni RD, ho una panca piena di riviste e romanzi condesati

      Elimina
  4. Più ti leggo, più noto che abbiamo molte cose in comune, nel campo delle sensazioni che ci procurano oggetti popolari.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho qualche annetto più di te. Posso darti un consiglio? Cambia LOL

      Elimina
  5. Fascino sì, e anche garanzia di una certa qualità, almeno fino a un po' di tempo fa. Tutte quelle citate finora: *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con gli Oscar era una meraviglia in libreria

      Elimina