venerdì 8 maggio 2015

Cinque cose che mi hanno reso orgoglioso da bambino

Basta che nelle tendenze di twitter compaia il termine #Rolex per accendere la fantasia. Istintivamente ho mandato un tweet: Non sono mai stato capace di leggere le ore

La realtà però è molto diversa: Rolex o non Rolex le ore le so leggere. 

Anzi l’aver imparato a riconoscere le ore dalla posizione delle lancette su un orologio da piccolo è stata una delle esperienze che più mi ha fatto sentire orgoglioso

Non ricordo quando ho imparato a leggere e scrivere, molto presto e non ho presente le emozioni che provai. Come non ricordo le emozioni provate nel riuscire a camminare, a dire le prime parole e a smettere di fare  la pipì a letto. Ma ci sono situazioni che rivedo ancora davanti agli occhi e mi fanno provare le stesse sensazioni, come se fossero accadute appena ieri. 

Ricordi che ci devono far capire di quanto siamo bravi e unici nel raggiungere i risultati quando siamo motivati al punto giusto. Un post che mi serve quindi per ricordare l’articolo Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa e andando a ritroso nel tempo per recuperare nei meandri della memoria cinque cose che mi hanno reso orgoglioso da bambino

1 - Leggere le ore 
Non ricordo l’età precisa e come è accaduto. Ricordo però lo stupore degli altri bambini quando gli dicevo che ora fosse. Molti non ci credevano e quando c’era la conferma di un adulto mi guardavano come fossi un mago. 

2 - Andare in bicicletta 
Non potrò mai dimenticare la bicicletta che sta in piedi con le mie pedalate dopo un po’ di tentativi senza successo. Non sono mai stato un appassionato delle due ruote in seguito, una cosa normale. Ma la prima volta che riuscii a controllarla mi sentii una specie di dio. Volavo anche io. 

3 - Fare i lacci alle scarpe 
Una cosa che ho imparato alla svelta. Ho fatto i lacci alle scarpe a molti bambini della mia età. A qualcuno l’ho pure insegnato. Ancora adesso mi diverto ad allacciare le scarpine dei bambini. Quando non lo sanno fare ti guardano con uno stupore e una meraviglia che solo i bambini sanno mostrare. 

4 - Ammaestrare un canarino 
Da piccolo ho ammaestrato un canarino. Era una femmina, si chiamava Titti e me l’aveva regalata mia zia per il compleanno. Le avevo insegnato a beccare le mie dita appena mi avvicinavo alla gabbia e a cantare la sigla di Braccio di Ferro con me. La toglievo dalla gabbia e lei volava in casa in tutta tranquillità e ti rincorreva. Quando è morta, ho pianto. 

5 - L’aver salvato una persona per strada 
Una volta trovai per strada un signore che stava male. Andai a cercare aiuto. Ero piccolo e mi fecero tutti i complimenti per il sangue freddo e il coraggio dimostrato. 

Grazie della lettura.

20 commenti:

  1. Ricordo che una cosa che mi faceva sentire orgoglioso da bambino era sapere un sacco di cose sull'Australia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono tantissime di cose, queste però le ho davanti come memorie visive. Rivedo la scena che mi emoziona

      Elimina
  2. Ma sei un vero boyscout, Ferrù!! :)
    Io odio leggere le ore con le lancette.
    Ricordo che ero orgoglioso di sapere alla perfezione tutti i tempi verbali declinati a dovere, di conoscere i numeri romani e... di aver imparato a nuotare :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Ammaestrare un canarino è spettacolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'ho provato ancora dopo con un altro: mi scappò dalla finestre

      Elimina
  4. Le cose che destavano stupore negli adulti di me bambino erano essenzialmente legate al nozionismo, alle mie passioni e alla mia memoria notevole, ma notevole per davvero come ho detto in più d'una occasione, a livello quasi autistico. Ok, te ne dico due: a 7 anni la mia vicina di casa, Testimone di Geova, mi regalò il loro libro di racconti biblici, che lessi con l'avidità e l'assenza di schemi preconcetti che solo un bambino sa avere. Poi,bastava che mi dicessero una pagina e io subito snocciolavo titolo e contenuto del racconto biblico :-D Poi a 10 anni ero in grado, lo sono ancora in realtà, di dire le formazioni dell'Italia ai Mondiali di calcio, i risultati, i marcatori e così via.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco cosa si prova. Io sapevo tutte le capitali del mondo, e molte altre cose della geografia. Ora sono imbattibile con i nome scientifici dei serpenti velenosi e con la storia delle tribù americane

      Elimina
  5. Grazie a te per aver condiviso questi ricordi con noi. ;-)

    RispondiElimina
  6. Bello! Soprattutto per il salvataggio! :O
    Io non funziono in quel senso: orgoglio e me non vanno d'accordo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel mio caso è un limite ;)

      Elimina
    2. Non ci sono limiti se non li vogliamo. Io ho un sacco di limiti e difetti, ma sono solo supposizioni mie. Si può fare qualsiasi cosa e avere un carattere stupendo. Alemo questo è quello che voglio io

      Elimina
    3. Ma io ho un carattere stupendo!!! :D

      Elimina
    4. e allora di limiti non ne hai

      Elimina
  7. Complimenti per essere riuscito ad ammaestrare un canarino,non facile sicuramente :-) condivido con te due motivi d'orgoglio,aver imparato a leggere le ore e a legare i lacci :-D ciao Ferruccio buona serata !

    RispondiElimina
  8. Un canarino? Difficile cavolo! Bei ricordi comunque :) Io ero orgoglioso di aver imparato a far le scorregge con le ascelle. Facevo ridere i bambini e mi gasava un sacco la cosa. Sì sì, non guardarmi così, sono sempre il solito lo so.

    RispondiElimina