giovedì 19 febbraio 2015

Vivere senza arrabbiarsi

Oggi ho voglia di condividere con voi una bella storia lifestyle

Con l’inizio del 2015 non mi sono ancora arrabbiato e invece di pubblicare una semplice frase come status su un social per adularmi nel vedere la crescita dei Mi piace e dei Like, ho convenuto sia meglio pubblicare addirittura un post sul blog, anche per poter rivedere, tra qualche tempo, la sua attualità e soprattutto per controllare se allora sarò ancora sulla stessa lunghezza d’onda. 

Confesso che il controllo della rabbia e dell’aggressività, della stizza e della tensione, della collera e di tutti quei piccoli stati d’animo negativi, è un qualcosa su cui lavoro da molto tempo e constatare che da ben cinquanta giorni ( ma credo siano molti di più perché non ricordo momenti bruschi durante l’autunno scorso) non c’è animosità di sorta nell’affrontare le situazioni e le persone a cui vado incontro, mi fa sentire fiero e pienamente a mio agio, anche perché i risultati che si ottengono, nei vari campi della vita, sono nettamente migliori. 

Non c’è nessun tipo di forzatura in quello che sto facendo. Ciò che sta succedendo è soltanto il risultato di un’abitudine che mi sono autoimposto negli ultimi anni, confinando e cestinando, nei primi tempi con l’autocontrollo e con la forza di volontà e poi in maniera inconscia, contesti deleteri e poco costruttivi e mi rendo conto di come stia dando i frutti ora. 

Certo l’aver bandito negli anni vizi di ogni genere (fumo, alcol, eccessi in generale) è stato un passo importante, come l’aver iniziato a evitare persone che mi facevano sentire a disagio. 

Naturalmente ho mandato al diavolo pochissime di loro in questo lasso di tempo. Da alcune mi sono allontanato quasi in maniera naturale. Con qualcuno è stato inevitabile lo scontro (ma non ho nessun rancore verso di loro). 


Tuttavia con la maggior parte di esse ho solo cambiato l’approccio, guardando i rapporti e le situazioni con una prospettiva più distaccata che non ha escluso l’empatia e l’interesse verso di loro. 

Un altro grande vantaggio è dato dalla scritturaIl gestire e scrivere contenuti per diversi blog e l’essere impegnato nel portare a termine opere di narrativa richiede una grande motivazione, una notevole freddezza e tanta lucidità che mal si sposano con il malumore e i capricci caratteriali. 

Si può dunque vivere senza arrabbiarsi senza essere un Jedi? A quanto pare sì, diventando più consapevoli e presenti e empatici verso il mondo che ci ruota attorno, e auguro a tutti di poterlo fare. 

Grazie per la lettura!

21 commenti:

  1. Beato te Ferruccio! Io sono sempre arrabbiato!

    RispondiElimina
  2. Già solo vedere la faccia di merda che hai appiccicato come introduzione al post mi farebbe uscire dai gangheri. Per favore toglila!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaha, l'ho compensata con Yoda

      Elimina
    2. Questo è vero.

      Elimina
    3. Vero, però: come si fa a mantenere propositi di non arrabbiarsi quando ci si vede il caimano sbattuto in mondovisione all'inizio di un post? Sfido io: con quella faccia da prendere a scarpate sui denti è dura resistere alla tentazione di incazzarsi come un intero branco di iene.

      Elimina
    4. E sforzandosi di fronte a queste cose che si impara a controllare la rabbia

      Elimina
  3. Beato te!!!!!
    Io di propositi di non arrabbiarmi più ne faccio mille al giorno ma poi ci ricasco sempre... e come si fa? Come ci sei riuscito????
    :))

    D'altronde sono una vera gemelli. Castore ie non prendertela e Polluce già è inca....volato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa ma ho la tastiera che fa i capricci... non mi batte certe lettere.
      Castore dice... ecco

      Elimina
    2. Pazienza e autosuggestione e poi bisogna pensare che nessuno ci mangia

      Elimina
    3. Me no i certo!!!!! Ormai sono coriacea..... e velenosa! ahahahhahahahaha
      Ciao!

      Elimina
  4. Io ci provo, ma ancora ci sono piccoli momenti di tensione perché gestisco poco bene la mia emotività e la mia 'fantasia', nel senso che tendo a pensare troppo a cose inutili e spesso mi autologoro, diciamo che sto cercando di dare risposte attive alla passività di certi miei approcci ma non mi è ancora semplicissimo come procedimento! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con pazienza e un po' alla volta... intanto c'è l'idea di non arrabbiarsi per niente

      Elimina
  5. concordo in pieno e mi congratulo con te che ci riesci!!!! La Scuola medica Salernitana dice che all'uomo sano ed equilibrato competono 4 parti di sangue (entusiasmo, giovialità) 3 parti di flemma (pensiero) 2 di bile gialla (combattività) e una di bile nera (rabbia e depressione che sono due facce della stessa medaglia). Quindi se la bile nera supera questa proporzione rispetto agli altri 3 umori, il soggetto si ammala!

    RispondiElimina
  6. Vivere senza arrabbiarsi??? Non è semplice...purtroppo :-( Complimenti a te che ci riesci !

    RispondiElimina
  7. Ci sto lavorando anche io, e più o meno faccio quello di cui hai parlato nel post.
    Il che non significa che mi riesca -_-

    RispondiElimina