lunedì 19 gennaio 2015

Me We, Io Noi: la poesia più breve del mondo


Me We traducibile come Io noi è considerata la poesia più breve del mondo. Appartiene al leggendario pugile Muhammad Ali, o Cassius Clay, e sarebbe stata declamata durante una conferenza stampa ad Harvard. 

In seguito, come risulta dalla fonte ritrovata nell’archivio storico del Corriere, le due parole furono inviate dallo scrittore e giornalista George Plimpton al “Bartlett' s Book of Quotations”. 

In realtà Ali rivelò in un secondo tempo che le parole sussurrate da lui in quell'occasione furono «Me, Whee!», come dire «Io? Evviva». 

In ogni caso un inaspettato record culturale utile per la mia rubrica, che va pari pari con Il racconto più breve del mondo di Ernest Hemingway

Due record che mi rallegrano, Ali ed Hemingway sono infatti alcuni dei personaggi, per motivi che vanno oltre gli aspetti culturali e i meri successi sportivi, più stimati dal sottoscritto. 

Naturalmente il vero ringraziamento per la realizzazione di questo breve articolo va a Clara Ascione del blog Chaos-lasfinge, visto che è stato leggendo il suo post Sulle sette poesie più brevi del mondo che sono stato in grado di trovare un altro spunto utile per la mia rubrica sui dei Record Culturali

Grazie per la lettura del post!

11 commenti:

  1. Anime sospese
    le ho viste aggirarsi in tutte le stazioni in cerca della loro identità perduta
    vita vissuta ai margini della dignità imposta da una società malata
    Priva di amore verso i più umili che stanchi di lottare si sono arresi
    assistendo impassibili alla vita che non gli appartiene più
    Vita ricercata nella folla frettolosa schiava del tempo che passa veloce
    come fossero automi taluni offrono una moneta tenendo in vita queste anime sospese condannate a fare da specchio a tutta l’umanità.
    VITTORIO.A

    RispondiElimina
  2. Grazie Ferruccio: sei sempre gentile ed il tuo post riesce ad essere incisivo come sempre. Complimenti :-)

    RispondiElimina
  3. Ho sempre pensato che la più breve fosse MATTINA di Ungaretti " M'illumino d'immenso" :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia, magari la uso settimana prossima
      grazie

      Elimina
  4. Sicuramente non è un caso che i due personaggi siano da te tanto amati: anche a me capitano spesso cose analoghe, credo sia più di un caso^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già devo capirci qualcosa, in comune avevano il pugilato la spacconeria

      Elimina
  5. Probabilmente li trovi affini in qualche modo! Questo fa anche capire come due parole espresse in un determinato contesto si trasformino totalmente rispetto alla loro natura originale, mi sembra infatti di capire che Ali non si sia preso poi molto sul serio su questa poesia, ma potrei sbagliarmi! :D

    Ciao Ferruccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Alessia per quello che ho scritto nel commento a Moz-
      Grazie

      Elimina
  6. Adoro le odi brevi. Penso dipenda dal fatto che quando andavo a scuola e dovevo imparare a memoria le poesie, mi era venuta (questa la rubo da te), una vera idiosincrasia per Il cinque maggio del Manzoni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come non capirti

      grazie due volte Jennaro - e sai perché

      Elimina