domenica 11 gennaio 2015

Benvenuti in casa Esposito a pranzo con Marina

“Che dici Ferruccio,vanno bene questi passi? Naturalmente il libro è Benvenuti in casa Esposito, l'autore è Pino Imperatore.” 

Vanno benissimo Marina, questi cinque brani che hai selezionato ben si sposano con i post dedicati al cibo nella narrativa e nella cultura. 

Questi fanno morire letteralmente di fame. C’è tanto di quel ben di dio nelle frasi e nei paragrafi che oltre a stimolare l’appetito, susciti il desiderio di leggere senza perdere altro tempo il libro di Pino

1 - Olga portò a tavola tre vassoi traboccanti di mozzarelline di bufala, paste cresciute, pizzelle di cirulli, freselle con pomodorini, panzerotti e palle di riso. L'antipasto. Il primo piatto, uno spaghetto con le vongole, fu approvato all'unanimità, persino Tina roteò la forchetta con eccitazione, Tonino e Patrizia fecero la scarpetta e Gaetano chiese il bis... Con i secondi la stanza si saturò di profumi di mare: capitone fritto, baccalà, polipo all'insalata, spigola al vapore... 

2 - Alla fine della cena Olga sventagliò sotto le mascelle dei banchettanti una decina di canestri pieni di frutta secca e frutta di stagione: castagne e datteri, prugne e fichi, arachidi e noci, e poi mandorle, pistacchi, pinoli, semi di zucca, meloni, ananas, kiwi… 

3 - Gli occhi dei commensali scintillarono davanti a mustaccioli e roccocò, struffoli e susamielli, paste reali, paste di mandorle, torroncini e cassatine... 

4 - Come entrée, Olga servi una salsa di pomodori arrostiti e alcune tortillas ripiene di carne macinata, salsiccia, cipolle e spezie. “Deliciosas” disse Anacleto Osvaldo, che mostrò di gradire anche la successiva zuppa di lenticchie con pancetta,carote e aceto. “Ma non era meglio 'na linguina agli scampi?” pensò Enzuccio rimpiangendo l'adorata cucina materna... 

5 - Tonino si fece una doccia, si sbarbò, mangiò un piattone di gnocchi alla sorrentina preparati da Olga e andò a ficcarsi, esausto, sotto le coperte... 

Grazie della lettura e buon appetito!


12 commenti:

  1. Grazie Ferruccio è un onore per me essere ospite del tuo blog con questo piccolo contributo :-D, c'è veramente da leccarsi i baffi con i passi tratti da questo divertente libro !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Marina, anche per avermi fatto conoscere questo autore

      Elimina
  2. Beh, non posso che approvare e partecipare al banchetto, dato la famigia Esposito è una delle più antiche e numerose sul territorio vesuviano, quindi, andiamo sul sicuro! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi vengo a fare una settimana di vacanza dalle tue parti

      Elimina
    2. Una sola settimana? Che ne dici se facciamo due? Anzi, un mese, no, sei mesi! Ma che dico: un anno! due anni,due anni e non se ne parli più! Spero tu sia abituato a mangiare... con persone che non sono del tuo rango. In fondo, anche voi nobili blogger del Nord avete un stomaco, e un cuore, affianco allo stomaco, a sinistra, appena si esce...

      ^_^

      Elimina
    3. Come no! Tu fammi sapere e io li chiamo tutti a raccolta: Totò, Eduardo, Merola, Daniele... Loro sulle nuvole si affiancheranno a noi 'coppo 'a "Muntagna" ;-)

      Elimina
  3. Mamma mia che bontà! :°D
    Vado a mangiare a casa Esposito oggi! Ah ma ci ho fatto caso solo ora che questi post domenicali fanno effettivamente pensare ai pranzi domenicali che si fanno in famiglia (solitamente è un'abitudine che in alcune famiglie permane ma che nel mio caso era più usuale quando ero bambina!).

    Sei un genio Ferruccio!

    RispondiElimina
  4. Ok, io di casa Esposito salvo TUTTO.
    E adesso ho fame :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Personalmente passerei alla portata del punto 5 :P
    Letto tutto insieme fa parecchio "indigestione" XD

    RispondiElimina