mercoledì 3 dicembre 2014

Dieci consigli per blogger principianti

Sono cinque anni che faccio blogging e venerdì festeggerò l’evento, celebrando l'anniversario con un post mirato.

Ora, però, c’è sempre più gente che mi chiede di questa attività e sempre più persone mi domandano lumi su come fare per aprirne uno e via di seguito. 


Così ho pensato di riassumere dieci consigli che i blogger principianti dovrebbe sapere e che, ahimè, io non sempre ho seguito e si tratta di cose che ho dovuto correggere in corsa. 


Sono voci diverse da quelle già comparse in post come Gli errori più comuni dei blogger, Come i social network possono aiutare la crescita del blog e Come costruire un blog di successo in dieci punti, ma presentano nuovi spunti di riflessione. Come sempre, da vero Hemingwayano, ho lasciato da parte tecnicismi e parole difficili: 


1 - Siate sempre coerenti

Quando partite con un’idea e con un progetto e il tutto funziona non cambiatelo. Se sentite il bisogno di crescere, ampliate le vostre argomentazioni con nuove idee ma non cambiate le tematiche del blog. Non snaturatelo. IL mio blog in cinque anni è sempre lo stesso, solo più grande. 

2 - Cercate di capire il vostro pubblico

Passerei giornate a parlare di letteratura, di scrittura e di come scrivere, di libri e di come fare blogging e usare i social per far conoscere e condividere le mie passioni sperando che siano di aiuto a qualcuno. Cercate di capire cosa vogliono i vostri lettori e asseconda teli nella maniera più naturale che possedete. 

3 - Ottenete idee dal vostro pubblico

Sfruttate i suggerimenti dei vostri lettori. Appena vi conoscono e sanno di potersi fidare, usano tutti i mezzi per comunicare con voi. A volte basta un semplice tweet a volte possono essere post scritti su altri blog influenzati dal vostro operato. Fatene buon uso. 

4 - Scrivete per voi stessi prima di tutto  

Scrivete come siete capaci di scrivere. Non cercate di imitare articoli di blogger alla moda. Siate voi stessi e andrete lontano. 

5 - Amate sempre i vostri lettori 

Negli anni ho perso amicizie che si erano create e lettori abituali. A ragione o a torto non ha importanza. Non fate come me, c’ho messo un po’ a imparare questo aspetto. Rispettate i vostri lettori, non prendete per opportunisti chi si presenta sulla vostra piattaforma ogni tanto e non date per oro colato chi commenta quattro volte al giorno i vostri post, non è questo il modo di giudicarli. Chiunque si interfaccia con voi vi offre qualcosa, sempre. 

6 - Invitate all’azione con i vostri articoli

Devo averlo già scritto da qualche parte, ma chiedere consigli, invitare i lettori a esprimere pareri sui post e sugli articoli che si scrivono è uno dei modi migliori per far crescere il blog

7 - Non abbiate timore a offrire le vostre conoscenze 

Con i miei post parlo di sempre di cose che conosco bene e appena mi rendo conto che qualcosa mi porta un vantaggio e possa servire anche ad altri lo condivido. Fatelo. Non ha senso tenere il sapere per sé. 

8 - Siate concreti 

Non pubblicate post solo per riempire le bacheche. Usate la fantasia. I primi tempi, a volte postavo delle semplici immagini così per riempire l’indice. Lavorate duro appena ne avete il tempo e mettete da parte tutto ciò che vi è possibile. Non sarete mai con l’acqua alla gola e la necessità di postare sciocchezze. 

9 - Se possibile citate qualcuno

Se trovate qualcosa di utile per la vostra attività di blogging citate e linkate chi ritenete meritevole, anche per un semplice suggerimento. C’è bisogno di conoscenza e generosità. Non citate sempre i soliti amici, per favore! 

10 - Date tempo al blog di crescere

Non abbiate fretta. Il mio blog per tre o quattro mesi non ha mai superato le trenta visite al giorno. Mi sono esaltato quando ho fatto cento visite e anche quando ho raggiunto il milione di contatti. Ma non si finisce mai di crescere se uno lo desidera veramente. 

Forza con la passione!


25 commenti:

  1. Ottimi consigli. Relativamente al punto 1, qualche giorno fa ho chiuso un blog (dopo quattro anni) perché si era effettivamente allontanato dalle tematiche iniziali. Non riuscivo più a capire da che parte stesse andando, mi sembrava confuso. Dalle sue ceneri sono nati ben due blog, che trovo molto più coerenti, e finalmente mi diverto di nuovo a scrivere!

    RispondiElimina
  2. Grazie Ferruccio, il tuo blog é una mia grande fonte di ispirazione

    RispondiElimina
  3. Vero Ferru, giusto la passione ci tiene in vita. La prima cosa di cui mi sono reso conto facendo blogging è che al lettore basta una semplice pressione del polpastrello del dito indice sul mouse per andare via e abbandonarti. Quindi, vogliamo "trattenerlo" occorre essere sempre chiari, ma soprattutto veloci nell'esporre le cose. Anche per non far sprecare loro del tempo :-)

    RispondiElimina
  4. Ti dirò, Ferruccio, sul punto 5 esiste secondo me un certo tipo di selezione naturale, cioè non operata dal blogger (ci mancherebbe!) ma che opera in automatico.
    Sono d'accordo con te che qualunque lettore è un valore aggiunto ed è sempre il benvenuto, però se il blogger scrive davvero a partire da se stesso (punto 4) è quasi inevitabile che prima o poi scontenti qualcuno e che questi se ne vada. A me è successo almeno in un paio di casi in un anno di attività. In compenso sono arrivate persone nuove e tra queste alcune che hanno l'aria di essere molto in sintonia con quel che scrivo.
    In altri termini, i contenuti giusti (cioè scritti a partire da me stesso) con il tempo hanno finito per attirare le persone giuste e magari allontanare quelle che forse avevano frainteso il vero senso del mio blog. D'altronde, le cose funzionano nello stesso modo anche nelle relazioni personali che si intrattengono nel mondo là fuori, quello non virtuale, no? Se uno è se stesso, attira determinate persone e ne respinge altre...
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono d'accordo, naturalmente - anche se il mondo dei blogger non è tutto oro come può sembrare

      Elimina
  5. Ferr, il mio blog per cinque anni non faceva numeri, pensa tu! :)
    Dieci consigli giustissimi, sono la base del blogging.
    Io ne metto un undicesimo: divertirsi SEMPRE.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, ho scritto apposta forza con la passione e la passione per me è divertimento.

      Grazie Moz-

      Elimina
  6. io non ricordo bene la data, ma di sicuro almeno il 2007, uno dei miei primi post è di quel tempo lì

    RispondiElimina
  7. Concordo anche io! :D
    E sarei una bugiarda se non dicessi che grazie all'interazione avuta in questi ultimi mesi e grazie anche a qualche dritta trovata qui io abbia trovato al momento un mite equilibrio con me stessa e di conseguenza penso che questo sia arrivato anche a chi mi segue!
    Io mi sono detta una cosa: ricevere sì, ma più si riceve più si deve cercare di dare, ma non in materia di quantità di post nel mio caso - la natura stessa della mia attività implica tempi di realizzazione non sempre così brevi -, ma quanto a partecipazione con attività di altri, incoraggiamenti quando servono e soprattutto qualità nel caso dei lavori che propongo.
    Ho capito quanto sia importante il rispetto verso persone che partecipano a ciò che fai in modo totalmente arbitrario, ed è una cosa stupenda!

    RispondiElimina
  8. da buon eterno principiante prendo appunti! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. detto tra noi, li scrivo per me :-)

      Elimina
    2. Ahahah! Ottima questa, Ferruccio ;-D

      Elimina
  9. Grazie Ferruccio!
    Il 14 dicembre festeggio il seconndo compleanno del mio blog e sonno sempre più presa.Nel senso che la passione non è scemata come temevo quando l'ho aperto. Perchè? Perchè vedo il numero delle visite aumentare, il numero dei lettori aumentare, l'interazione aumentare e questo è stimolo.
    Giustamente qualcuno si accontenta e qualcuno no. Qualcuno si acquista e qualcuno si perde. Non credo sia il caso di farne un dramma. In fondo, come ha scritto Ivano sopra, si attirano certe persone e se ne perdono altre.
    Tengo comunque buoni i tuoi consigli perchè nonostante i due anni non mi considero una blogger navigata. Tutt'altro! Credo di avere ancora molte cose da imparare.
    Devo dire però che molti dei consigli che hai dato tu, già li seguo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima Patricia, andiamo avanti così

      Elimina
  10. Io mi trovo ancora un po' paralizzata. Pochi lettori purtroppo (buoni però, anzi, buonissimi)... A volte penso che il mio blog sia poco interessante :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non pensarlo neanche, se le cose piacciono a noi...

      Elimina
  11. Ottimi consigli,grazie.Anch'io non ho tanto successo come blogger,ad es no mi commentano e mi dispiace!Prova a dare un'occhiata e dammi un tuo giudizio.Grazie,ti aspetto!
    http://bardo-lusevera-news.blogspot.it/
    http://miscellaneablogspotcom.blogspot.it/
    http://olga1212.blogspot.it/
    Ho provato anche a coinvolgere i lettori,ma nulla! Ad es ho chiesto se preferiscono albero o presepio.Non mi pare una domanda impegnativa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me i tuoi blog sono pieni di cose che non servono e allontanano i lettori. Anche se hai dei contenuti buoni, ci sono troppo gadget che distraggono e appesantiscono la pagina. IL design deve essere pulito ed essenziale. Prova a rivedere il layout e vedrai come cambieranno in bene le cose

      Elimina