domenica 14 dicembre 2014

Con Cormac McCarthy anche il cibo sa di poesia

Uno dei libri più belli che ho letto negli ultimi anni è Cavalli Selvaggi di Cormac McCarthy. Ne ho parlato diverse volte in altri articoli del mio blog. 

È il primo volume della cosiddetta Trilogia della frontiera e forse anche il più emblematico ed evocativo. 

Un ottimo regalo da fare a qualche appassionato di letteratura in questi giorni di festa. Nel romanzo ricordavo la presenza di momenti dedicati al cibo e come al solito ho creato una top five

Anche il cibo con Cormac McCarthy sa di poesia

1 - Lei aprì il forno, tirò fuori una teglia di panini appena fatti, ne mise uno in un piatto, glielo portò insieme al coltello per il burro e tornò alla cucina sfiorandogli la nuca con la mano. 

2 - Comprarono affettati, formaggio, una pagnotta, un barattolo di maionese; una scatola di cracker, una dozzina di scatolette di wurstel, dodici bustine di koolaid, un trancio di bacon, qualche scatola di fagioli; due chili di farina di mais e una bottiglia di salsa piccante. 

3 - Come in un picnic aprirono a terra la pezza di tela in cui la donna aveva avvolto il cibo e, appoggiati indietro ai gomiti e con le gambe incrociate in avanti, spiluccarono le quesadillas, i tacos e i bizcochos all’ombra degli alberi, masticando pigramente e osservando i cavalli. 

4 - John Grady si avvicinò e prese in tasca il proprio coltello. I fichi d’India, ancora freddi per la notte, tinsero le loro dita di rosso. Li pelarono, li mangiarono, sputando i semi durissimi e cominciarono a togliersi le spine dalle dita. 

5 - John Grady, che era l’unico cliente, appoggiò il fucile al muro, ordinò huevos revueltos e una tazza di cioccolata, aspettò che la roba arrivasse e si mise a mangiare con calma. Trovò il cibo saporito, bevve la cioccolata alla cannella, ne ordinò un’altra e mangiò una tortillas arrotolata guardando i cavalli fermi nella piazza al di là della strada. 

Buon appetito!



8 commenti:

  1. Ecco*__* La Trilogia della frontiera è una delle mille letture che desidero affrontare a breve!
    Curiosando tra i post che hai dedicato a McCarthy ho rafforzato l'intenzione :P

    I cibi citati son sopraffini per i miei gusti XD Tra tutti, adoro i fichi d'India ^^

    RispondiElimina
  2. Come ti avevo detto, a me Cavalli selvaggi è forse quello che è piaciuto meno. Ecco perché ancora non mi decido a continuare la trilogia. Ho trovato invece più evocativo Suttree.

    Non ricordavo questi brani, però ricordo che quando descrive in genere il cibo ti fa venire fame.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì lo ricordo Dani - per me invece è il meglio, ma sono dettagli. La sua prose è piena di poesia che va venir voglia di tutto

      Elimina
  3. Questo è il menù che preferisco, mangerei tutto di quello che viene qui descritto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul serio? Non hai mai mangiato i fichi d'India? Io ho qualche pianta nella casa in campagna ;)
      Io mangio solo quelli di fichi. I fichi normali solo secchi.

      Elimina