sabato 11 ottobre 2014

Muze di Fabrizio Casel in vetrina

La vetrina settimanale è dedicata al mondo del cinema e in particolare a Muze di Fabrizio Casel: un App che suggerisce all'utente i film da vedere sulla base dei voti da lui stesso espressi. 

Muze è il mix di quattro diversi linguaggi e tecnologie che interagiscono tra loro sulla base base di un algoritmo di Intelligenza Artificiale complesso. 

L'appassionato inizia a votare un certo numero di film - tenendo presente che il numero minimo per poter generare consigli è cinque - con un numero di stellette che vanno da una a cinque, mezzi voti inclusi. 

Ora sulla base di queste indicazioni, il programma inizierà a selezionare le pellicole che possano risultare maggiormente in linea con i voti espressi, ordinandoli in base a una "percentuale di affinità" indicata a fianco del titolo. 

Naturalmente maggiore sarà il numero di film votati, più l'applicazione sarà in grado di memorizzare e catalogare informazioni sui gusti dell'utilizzatore, fornendo in un secondo tempo consigli più mirati. 

L’applicazione, scritta per tablet e smartphone Android, si può scaricare gratuitamente da Google Store. È molto facile da usare grazie a una voce che guida l'utente nei vari processi. Nei progetti di Fabrizio Muze, tra breve, sarà in grado di suggerire non soltanto ottimi film, ma anche serie TV e libri. 



Fabrizio Casel è nato a Torino il 6 ottobre 1975. 

Sin dalle elementari ha evidenziato una spiccata predisposizione alla logica e alla matematica. 

Si è diplomato all'Istituto Salesiano E. Agnelli di Torino in Elettronica e poi laureato in Informatica nel 2002 con 110 e lode. Dopo la laurea gli hanno offerto un posto da ricercatore ma ha declinato l’invito. Ha quindi continuato a sviluppare applicazioni. 

Ha iniziato nell'84, quando aveva circa 8 anni sul Commodore 64 e dall'epoca si è evoluto (grazie a suo padre, programmatore anche lui a quel tempo) sino a sviluppare i primi giochi "seri" quali cloni dei famosi Arkanoid, Tetris, Scacchi... 

Nel periodo universitario ha anche sviluppato un paio di applicazioni più particolari legate al mondo della musica: con una delle applicazioni, dato in pasto al PC un brano karaoke l'applicazione restituiva il testo della canzone e generando automaticamente gli accordi per chitarra; l'altra applicazione degna di nota era invece un software che permetteva di condividere musica in peer 2 peer da un PC a tutti gli altri - una sorta di emule di fine anni '90 -, salvo poi essere bruciato sul tempo dal Napster

Da allora ha spaziato parecchio sia come campi di applicazione che come linguaggi usati per programmare, sino all'ultima sua creatura: Muze

Nell'ormai pochissimo tempo libero si dedica a lavori manuali, quali intaglio del legno, disegno, creazione di strumenti utili per la casa, oppure suona con papà e suocero. 


Per partecipare seguite le regole e le direttive richieste al post: Una settimana su facebook, oppure scrivete un messaggio a ferrugianola@hotmail.com 

Pagina facebook del blog

8 commenti:

  1. App utilissima davvero per gli amanti dei film di ogni genere, il mio fidanzato guarda sempre le review anche in lingua prima di vedere un film o telefilm, quindi direi che è un app adatta a lui ^_^

    RispondiElimina
  2. la app numero 1 in italia!

    lo ammetto: fabrizio mi ha pagato per dirlo, ma solo un pochino :D

    RispondiElimina
  3. L'ho provato, trovo che funziona molto bene quando hai inserito, non so, venti film. Se però ne inserisci di più, tipo quaranta (sui numeri non sono ben sicuro, l'ho provata tempo fa e non mi ricordo bene, comunque siamo intorno a cifre del genere) poi inizia a suggerirti film che non c'entrano niente. ma è passato un po' di tempo e magari l'ha aggiornato.
    Il Moro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'intervento Moreno. Utilissimo

      Elimina