martedì 30 settembre 2014

Ditemi quante parole scrivete e vi dirò che scrittori siete

Una delle regole fondamentali per ogni scrittore consiste nello scrivere ogni giorno. Diffidate dagli scrittori che vi dicono che scrivono solo sotto ispirazione, sono dei millantatori e dei fannulloni presuntuosi e patentati. 

Come tutte le discipline, artistiche o meno che siano, solo con un duro e tenace lavoro si può sperare di raggiungere il successo. 


Ora per vedere se come scrittori siete sulla strada giusta  provate a verificare chi più vi assomiglia degli scrittori citati nell'articolo, autori che hanno misurato la qualità della loro produzione usando dei parametri e delle metriche quantitative senza compromessi, come il conto delle parole quotidiane


Jack London, l’autore di Zanna Bianca e Il richiamo della foresta ha scritto 1.000 parole al giorno per ogni giorno della sua carriera.  


William Golding, l’autore de Il signore delle mosche, una volta dichiarò di essere solito scrivere 3.000 parole al giorno, un numero condiviso pure dallo scrittore beat Norman Mailer e dall’inventore di Sherlock Holmes  Arthur Conan Doyle. 


Raymond Chandler, il re dell’hard boiled e uomo di forti opinioni e convinzioni sul mestiere di scrivere, stranamente non aveva una quota precisa giornaliera da realizzare, ma era noto che il suo picco massimo giornaliero fosse attorno alle 5.000 parole. 


Anthony Trollope, autore di Chronicles of Barsetshire, iniziava la sua giornata alle 5:30 del mattino e si disciplinò nello scrivere 250 parole ogni 15 minuti, controllando se stesso con un orologio. 


Stephen King: del Re si dice che fa di tutto per raggiungere la sua quota giornaliera di 2.000 parole scritte.  


Thomas Wolfe, uno degli scrittori statunitensi più ammirati dagli autori contemporanei manteneva il suo limite in 1.800 parole, ma non lasciava il foglio finché non aveva raggiunto questa quota. 


E voi? Ditemi quante parole scrivete e vi dirò che scrittore siete. 


Fonti: The Odd Habits and Curious Customs of Famous Writers di Maria Popova.


28 commenti:

  1. Di narrativa arrivo a 500 al massimo, di media. Di scrittura per il web almeno 800.

    RispondiElimina
  2. E siccome io non sono come l'Alfieri del: "volli, volli, fortissimamente volli", né mi interessa divenire più famoso di quanto già sono :-), scrivo solo quando mi viene l'ispirazione :-P

    RispondiElimina
  3. Anch'io seguo l'ispirazione... per questo la mia produzione scrittoria è così limitata
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero che segui l'ispirazione, come d'altro canto il signore che ti ha preceduto nei commenti

      Elimina
    2. Ecco, il "Signore", Lui sì che è fonte di ispirazione suprema :-)

      Elimina
  4. Jack London, Stephen King, Thomas Wolfe, me li mangio a colazione.
    Non per bravura certo, ma scrivo molte più parole di loro al giorno.

    Io sicuramente le scrivo a vanvera però, vista la differenza dei risultati.

    RispondiElimina
  5. Oddio... tra narrativa, web (blog, forum, risposte, siti), appunti di idee su carta, sceneggiature per sfizio e altro... credo che io passi, scrivendo, il 70% della mia giornata! :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parole, voglio il numero delle parole LOL

      Elimina
    2. E chi sa quantificarle?
      Potrei anche barare scrivendoti una risposta lunghissima con mille giri di parole, pur di alzare la media :p
      Che comunque, non ci credo alla quantità. A volte bastano due parole scritte al giorno, ma con genialità suprema.

      Moz-

      Elimina
    3. ahhah scherzo, ho pensato a quella barzelletta su come si chiamano i cinesi

      Elimina
    4. Ahaha non la ricordo!! Com'era??

      Moz-

      Elimina
    5. Come si chiamano gli abitanti della Cina?
      Cinesi
      I nomi, voglio i nomi

      Elimina
  6. Oddio... parole al giorno.
    Beh, ovviamente dipende. Nelle giornate lavorative sono più o meno intorno alle 1500.
    Quando mi concentro sulla scrittura arrivo a 4000.
    Purtroppo non scrivo solo quando ho l'ispirazione anche perchè mi viene mentre sono al lavoro e sono costretta a reprimerla. Mi accontento di appunti su post-it, cellulare, foglietti volanti. Poi mi ci dedico quando ho tempo. Che tristezza.

    RispondiElimina
  7. Io tra narrativa e web non supero le 500 parole al giorno di media. Poi, per lavoro, mi può capitare di scriverne anche 1000, ma non penso che contino per definire lo stereotipo di scrittore perché sono in inglese e trattano esclusivamente di temi scientifici : (

    Buona giornata a tutti ; )

    ivy

    RispondiElimina
  8. Quantificare è difficile, Ferruccio.
    A parte che non mi cosidero nè scrittrice nè poetessa, dipende dalle giornate. A volte sono 500 a volte di più, altre meno.
    Oggi ad esempio credo di essere oltre le 500... ma non farmele contare! Mi si incrociano gli occhi!!!! :)))
    Comunque condivido il pensiero di MikiMoz. La qualità è meglio delle quantità...
    poi, certamente io non sono nessuno a confronti degli autori che hai elencato! Magari gli assomigliassi almeno un po!!!!!

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo sul fatto che sia consigliabile scrivere ogni giorno fregandosene dell'ispirazione. Detto questo, facendo un po' di calcoli, mi aggiro sulla media londoniana delle mille parole al giorno.

    RispondiElimina
  10. @Patricia, si fondamentale la qualità. Sai sono delle cose curiose queste sulle parole scritte e ho pensato di allargare il giro.

    @Ivano: tu sei un martello lo so

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... nonostante siano bianco su nero a volte vengono inerpretate nei modi più strani....
      Allarga allarga che io sono curiosa!
      Buona serata!

      Elimina
    2. Sono arrivate un bel po' di risposte,
      e domani ho un altro spunto divertente

      Elimina
  11. Io ho tempo soltanto al fine settimana e lì butto sulla carta ca. 3000 parole in tutto (da venerdì sera a domenica notte). Diviso 7 (i giorni della settimana), fa una media di 420 words/day ca.
    Oddio, sono troppo scarso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scarso? con tutti quei libri all'attivo?

      :-)

      Elimina
  12. Forse la domanda che fa' per me è "dimmi quante parole leggi e ti dirò...." Purtroppo non sono una scrittrice,leggo e basta ;) però questa domandina mi sarebbe piaciuta farla al mio caro professore d'italiano che ogni qualvolta doveva correggere il mio compito in classe aveva bisogno di un intero pomeriggio solo per me per leggerlo...scrivevo,scrivevo e non mi fermavo più,il mio non era un tema,era direttamente una mini storia ,ogni volta mi diceva la solita frase,brava,ma cerca di stringere un pochino ahahahahha !!! Meglio per tutti quindi che non abbia mai scritto libri,sarebbero stati direttamente poemi :-)

    RispondiElimina