giovedì 12 giugno 2014

"Flamenco en el aula" anche in Italia

Grazie a Silvia Marin si attua anche in Italia - presso L’Istituto Cervantes - Flamenco en el aula, un programma educativo nato nel seno della Fondazione Antonio Gades (fondazione che proprio quest'anno compie dieci anni) con l'obiettivo di integrare le conoscenze del Flamenco a scuola durante l'orario scolastico, utilizzando l'arte come strumento di apprendimento. 

Il progetto, creato e condotto dalla stessa Silvia Marin, si rivolge agli insegnanti di spagnolo di scuola primaria e secondaria, ma anche a ballerine, ballerini e insegnati in generale interessati a nuovi metodi didattici. 
Non è richiesta nessuna specializzazione dei partecipanti in danza e cante flamenco

I codici utilizzati sono semplici, disegnati non per creare esperti, ma per favorire l'uso del Flamenco come possibile veicolo per il lavoro in classe. 


L'iniziativa ha il suo germe nel programma Creating Original Opera, condotto dall’insegnante americana Mary Ruth McGinn nell'ambito del programma educativo del Teatro Real di Madrid durante l'anno accademico 2006-2007. 

Nel 2008 Silvia Marin, ballerina, insegnante e docente specializzata nel Flamenco e Mary Ruth McGinn, sotto l’egida di Eugenia Eiriz, Direttrice della Fondazione Antonio Gades, animano il progetto Flamenco en el aula


Il programma, una delle attività didattiche del Milano Flamenco Festival, si svolgerà presso la sede dell’Istituto Cervantes a Milano, in Via Dante, 12 

venerdì 27 giugno dalle 18h. alle 21h. 
e sabato 28 giugno dalle 10h. alle 13h. e dalle 14h. alle 17h
per un totale di 9 ore

Per i dettagli si rimanda al Sito ufficiale dell’Istituto Cervantes

3 commenti:

  1. Un po' lontana Milano :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari in futuro potrebbero riproporre il programma in un'altra città

      Elimina
    2. Giusto! Se è vero l'arte flamenca è la componente di base della storia andalusa, sia reso noto che non solo a Granada - dove certamente c'è il cuore di questa cultura - ma anche da noi, in Italia il sangue bolle al suono delle chitarre gitane. :-)

      Elimina