lunedì 16 giugno 2014

Biblioteca Nazionale Centrale di Roma: la biblioteca più grande d’Italia

Wikipedia
Se per caso nelle prossime settimane o nei prossimi mesi avete intenzione di fare un giro a Roma, potreste aggiungere alla lista dei luoghi da conoscere e visitare - sempre che non ci siate già stati - la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, biblioteca identificata con la sigla BNCR

Lo potete fare anche se non siete appassionati di libri e di cultura, il tutto solo per poter dire di essere stati nella biblioteca più grande d’Italia

Arrivarci, dopotutto, è facile, visto che la biblioteca si trova in viale Castro Pretorio, a poche centinaia di metri dalla Stazione Termini ed è raggiungibile con la metropolitana. 
Un semplice viaggetto in treno e siete lì se non abitate a un tiro di schioppo. 

Una biblioteca con numeri da primati siccome contiene circa 7.000.000 di volumi a stampa, 2.000 incunaboli (un documento stampato con la tecnologia dei caratteri mobili), 25.000 cinquecentine (libro stampato nel XVI secolo), 8.000 manoscritti, 10.000 stampe e disegni, 20.000 carte geografiche, e 1.342.154 opuscoli.

La biblioteca è conosciuta col nome di "Vittorio Emanuele II", dal nome della personalità a cui è stata intitolata al momento della sua istituzione (1875) e con la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (BNCF), svolge le funzioni di biblioteca nazionale.

Un ottimo primato culturale anche oggi.

18 commenti:

  1. Devo andarci!!
    Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  2. Da visitare sicuramente vista la grande quantità di libri & company,terrò in considerazione la tua segnalazione nel mio prossimo viaggio a Roma ! Grazie Ferruccio :)

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Scoperta da poco, con tutte le volte che sono sceso a Roma

      Elimina
  4. Oddio, immagino quante cose ci siano lì dentro!! Oo
    Questa, più quella Vaticana, rende Roma sicuramente una delle città più "colte" al mondo, no?

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Grazie per la segnalazione! Io lì dentro ci ho passato molte ore sia per la tesi di laurea sia di dottorato. Una cosa che forse non tutti sanno è che oltre ai volumi canonici, si possono trovare tantissimi periodici degli anni passati non disponibili in rete e utilissimi per ragioni di studio e di ricerca. Vale comunque la pena passarci anche semplicemente a scopo turistico...chi ama i libri e la cultura ne rimarrà davvero affascinato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie. Mi pare di avere indovinato nel segnalare questo "Primato culturale"

      Elimina
  6. Un tempo ero un frequentatore assiduo della BNCF (Firenze) poi le regole di frequenza e utilizzo sono diventate via via sempre più rigide e mi sono stufato. Spero che a Roma siano più liberali.

    RispondiElimina
  7. Nel '74 ho seguito un corso di specializzazione nell'allora "Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza" e per un anno circa ho dormito nella caserma di via Castro Pretorio, a poche centinaia di metri dalla Biblioteca. Ad essere sincero ci sono passato spesso vicino ma non sono mai entrato all'interno, e mai avrei pensato che un giorno me ne sarei pentito (a non esserci entrato) ... mannaggia! ^_^

    RispondiElimina