giovedì 15 maggio 2014

Cinque cose che ho odiato della tecnologia

Si parla di tecnologia domestica o quella legata al proprio lavoro, non aspettatevi che in questo articolo vi venga a parlare di missili teleguidati, supercomputer o altre cosettine fantascientifiche

Voglio mettervi al corrente di cinque piccoli disagi che la tecnologia mi ha procurato negli anni. Piccole idiosincrasie o fobie in parte non ancora superate. Già alcune le ho soltanto odiate altre le odio ancora


Mouse: c’ho impiegato un anno a usare il mouse regolarmente, prima di allora avevo sempre lavorato usando sistemi operativi testuali e quando ho cominciato a trovarmi davanti computer con l’interfaccia grafica andavo nel panico. 
Cliccavo troppo velocemente o troppo piano e la freccia restava lì impalata sullo schermo senza fare nulla. Credo di avere imparato a usarlo bene solo grazie al Solitario che c’era con Windows (ero imbattibile), ma che fatica.




Sms: sono sempre stato lungo come la fame a inviare messaggi e ancora adesso non sopporto chi ti risponde in mezzo minuto. Sono invidioso delle sue capacità. Non so come si possa fare a digitare un messaggio di cento e passa caratteri in una decina di secondi. Sarà che uso una mano sola e sono ancora invidioso di chi smessaggia servendosi dei due pollici. Non mi abituerò mai agli SMS. Preferirò sempre la telefonata. 




Passaggio analogico/digitale: in auto, a casa, le cassette e le videocassette che ho ancora da parte e che non posso più vedere o ascoltare sono un migliaio e non venite a dirmi che i CD e i DVD o quello che volete sono tutta un’altra roba. Si poteva benissimo continuare come prima. 
Per non parlare della televisione. Basta una nevicata o un temporale per vedere il segnale scomparire come se fosse opera di un mago. Capisco i bisogni dell’economia ma per conto mio si stava meglio quando si stava peggio. 




Cavi per connessioni: credo sia una fobia di cui ancora soffro, ma tutte le volte che per cambiare la disposizione di un ufficio o per l’attivazione di una linea mi trovo tra i piedi dei tecnici che devono bucare il muro o salire sul tetto fumo rabbia. 
Arriverà il giorno in cui con un semplice click si potrà fare davvero tutto, senza tanti inestetismi e gente attorno.    




Social network: sì, ora potrei dire che ci mangio, ma all’inizio non li sopportavo. Non capivo tutta quella gente che perdeva il tempo a scambiarsi cavolate con social più o meno vitali. Sembrava quasi che senza un profilo uno fosse nessuno. Mica era facile da capire… 
Ci sono finito anch’io. 




E voi c’è qualcosa che vi ha dato o vi dà fastidio?

25 commenti:

  1. I Social network li odiavo pure io ( e di brutto) . Invece ora preferisco i cavi ai nuovi wi-fi. Credo che in fondo in fondo io sono un conservatore

    RispondiElimina
  2. Più che la tecnologia credo mi dia fastidio l'uso che a volte se ne fa di essa, tra cui, manco a farlo a posta, la rapidità con cui mi si risponde agli SMS, o nelle chat. A me il pensare veloce mette ansia! Poi ci sono: lo Spam e i Troll. Ma la ciliegina sulla torta la mettono i giovanissimi con il loro linguaggio: "ki, kosa, xké, ecc.". Oddio, non che io voglia fare il "professore", pronto a rinfacciare ogni errore di scrittura ... ahi, ahi, eccolo. Pure questi mi sono odiosi... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi quando accorciano si può capire, ma quando storpiano, no

      Elimina
  3. Io sono technology addicted.
    L'unica cosa che trovo scomoda è il tablet, una inutile via di mezzo tra smartphone e pc...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono contrario alla tecnologia in effetti, sono solo un po' duro al cambiamento

      Elimina
  4. Condivido la maggior parte delle tue fobie/difficoltà! Aiuto!

    RispondiElimina
  5. Se ti può consolare, ho ancora tutta la mia collezione di vhs in bella mostra :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ma non le vedo più, accidenti. Non ci sono più i video registratori di una volta

      Elimina
  6. sai anch'io come te ho delle fobie anche se adoro la tecnologia!

    RispondiElimina
  7. I cavi non li sopporto nemmeno io, non ti dico quanto mi piacerebbe a volte cambiare la disposizione della mia casa, ma poi penso a tutti i collegamenti che mio marito dovrebbe modificare e allora mi arrendo!

    RispondiElimina
  8. Sul digitale terrestre la risposta è facile: quando l'hanno adottato, visto che "il segnale è più pulito" e bla bla bla, hanno buttato giù la potenza dei ripetitori di un buon 30%, a volte anche di più. Così, durante un temporale, l'analogico squaccherava un po' ma continuava a vedersi; col digitale, basta poco e il segnale viene ammazzato dai disturbi. Se avessero mantenuto la stessa potenza di prima, durante un temporale si vedrebbero un po' di squadrettature e ci sarebbe qualche - fastidiosissimo, lo so - saltello dell'audio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già immaginavo che sotto ci fosse qualche problematica del genere, grazie

      Elimina
  9. Condivido la difficoltà con gli SMS. Il videoregistratore invece l'ho mandato al diavolo con somma gioia appena è stato possibile, una quindicina di anni fa. Ma non mi piacciono neppure i lettori DVD... uso il computer.

    RispondiElimina
  10. sono d'accordo con te soprattutto per mouse e caviii ! Ancora il cavo dell' adsl è seminato che fastidio !

    RispondiElimina
  11. ahahhah ma dai!!!
    Io se c'è una cosa che odio è la voce "buffering" nei video!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche quello, la prossima volta faccio una top ten

      Elimina
  12. La TV digitale è stata un'enorme fregatura. Il segnale, rispetto all'analogico, è sempre instabile, il suono - facci caso nei dialoghi - arriva dopo le immagini.

    Non chiamatela progresso, perché progresso significa migliorare quello che avevamo prima. E la TV analogica si vedeva meglio della digitale.

    Inoltre, in pieno periodo di crisi, hanno fatto spendere soldi alla gente per il decoder o per un nuovo televisore, cioè per cose futili.

    Polemica politica finita :)

    Ah, gli sms li odio anche io: scrivere al cellulare è scomodo, come anche navigarci. Col mouse mai avuto problemi, invece.

    RispondiElimina
  13. Ho un'idiosincrasia per i cellulari touchscreen. Finché si tratta di un tablet con lo schermo abbastanza grande, le mie dita tozze riescono ad arrangiarsi, ma un piccolo schermo di cellulare è troppo ridotto per l'estensione dei miei polpastrelli, non riesco mai a selezionare l'icona o il numero giusto.
    E poi non ho mai sopportato il T9 che crea automaticamente le parole mentre digiti e spesso le inserisce nel tuo testo, peccato che il 99% delle volte NON siano quelle che volevi scrivere...

    RispondiElimina