mercoledì 26 febbraio 2014

Impara le lingue sei vuoi essere felice

Migliorare continuamente la conoscenza delle lingue (due in particolare, l’inglese e lo spagnolo) è un cruccio che non mi abbandona mai. 

Credo che mi accompagnerà sino alla fine dei miei giorni.

D'altra parte sono convinto che se qualcuno un giorno dovesse dirmi che le conosco meravigliosamente state certi che mi metterò d’impegno per imparare altre lingue, magari il cinese o l’arabo, anche se dovessi avere ottant’anni. 

Non ho mai lesinato sulle risorse per migliorare la mia cultura in merito, anche perché l’apprendimento di una lingua influisce  e aumenta il benessere fisico e psichico

Negli ambienti di lavoro non ho mai scartato la possibilità di partecipare a corsi, anche se il più delle volte erano noiosi e magari costosi oltre la norma e quando si è prospettata la possibilità di un soggiorno per vacanza o per lavoro all’estero, specialmente in un paese dove lo spagnolo o l’inglese erano di casa, non mi sono mai tirato indietro e sono sempre partito entusiasta. 

Negli anni un grosso aiuto l’ho avuto dal fatto di avere occupazioni nel mondo dei computer che mi obbligavano a ricorrere a manualistica spesso disponbili e solo in lingua inglese, ma anche la lettura di libri nella versione originale - primi fra tutti The Sun Also Rises di Ernest Hemingway, The Great Gatsby di Francis Scott Fitzgerald e Cien años de soledad di Gabriel García Márquez, libri che conosco quasi a memoria nelle traduzioni nostrane - mi è stata molto utile per familiarizzare e memorizzare un numero maggiore di termini. 

Certo queste cose non bastano, il metodo migliore per poter apprendere una lingua alla perfezione suppongo consista nel trasferirsi a vivere sul posto per qualche tempo e supportare il tutto con lo studio e la scrittura in lingua originale.

Ma quando questo non è possibile non bisogna arrendersi. 

Al giorno d’oggi le opportunità ci sono sulla porta di casa. Parabole televisive che ti portano news e opinioni in lingue straniere, anche se devo confessare che da un paio di anni ho scelto di favorire i film originali

Anche in questo caso sono partito con film che conoscevo a memoria, ma ora non riesco a staccarmi. Sarà il fatto che la recitazione originale molto spesso e assai più emozionante di quella doppiata in lingua italiana. Sarà che le voci di certi attori sono terribilmente affascinanti… 

Insomma un bel modo per imparare. 

Dimenticavo scrivete sempre su un quaderno le parole che non vi entrano direttamente in testa. 

Insomma sei vuoi essere felice impara le lingue: lo dice anche la scienza

O non è così?

12 commenti:

  1. Ecco ora io sono gelosa...e sai perchè???Perchè imparare le lingue è sempre stato il mio tallone d'Achille,nella mia mente c'è sempre stato un rifiuto,ho studiato giusto quel tanto d'obbligatorio quando andavo a scuola,ho memorizzato quei pochi vocaboli e poi basta,non mi riesce proprio :( ...per questo sono "gelosa" di chi riesce e ama studiare e apprendere al meglio le lingue !!!Sia chiaro che la mia è una sana gelosia che io (a proposito di lingue) traduco in ammirazione verso coloro che si applicano nell'ampliare le loro conoscenze...quindi Ferruccio hai tutta la mia ammirazione!

    RispondiElimina
  2. Sì, è proprio come dici!
    Mi pento di aver lasciato un po' andare l'inglese -tranne che sul lavoro, in estate- però noto che se mi metto a leggere in quella lingua, o a guardare un film in originale, non ho ancora perso molto... ma devo aggiornarmi.
    Ma sai una cosa? studiando le lingue straniere ho capito quanto sia superiore, bella, musicale, perfetta e insuperabile la lingua italiana.
    E va bene così ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che ogni lingua madre sia un sogno per chiunque
      grazie Moz -

      Elimina
  3. Per me la lingua più musicale del mondo è sicuramente lo svedese. Con il suo fluire liquido e cristallino, il suo sciogliersi in bocca, la considero superiore all'italiano da questo punto di vista. Ho avuto la fortuna di impararla quando vivevo in Svezia. Purtroppo ho smesso di parlarla da quasi tre anni, anche se ogni tanto mi vedo un film in lingua per non perderla completamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello... complimenti. Io fossi in te tornerei in Svezia :-D

      Elimina
  4. grande Ferruccio, hai proprio ragione, un abbraccio SILVIA (p.s. io adoro solo l'inglese)

    RispondiElimina
  5. studiare le lingue non è stato il mio forte ,mi pento di non aver studiato le lingue ma questo tuo articolo è molto interessante !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo dipenda dal forte studio. La colpa è del sistema educativo. Desiderare di conoscere e parlare altre lingue dovrebbe venire naturalmente

      Elimina
  6. grazie dei tuoi consigli,guarderò un bel film in inglese questo pomeriggio.

    RispondiElimina
  7. Da ex studente di lingue e letterature straniere, prova a immaginare quale sia la mia opinione in merito ;-)

    RispondiElimina