domenica 23 febbraio 2014

A pranzo nel romanzo Il giardino dell’Eden

Terzo appuntamento dedicato al cibo presente nelle storie degli scrittori. 

Un’altra domenica a pranzo con Ernest HemingwayAncora un racconto con una storia d’amore.  L’amore presente nel romanzo Il giardino dell’Eden: romanzo postumo del nobel. 

Un romanzo definito dalla critica profondamente personale, d’altra parte è difficile nella scrittura non cogliere il suo stile indistinguibile. 

Una storia - ambientata sulla Costa Azzurra, con reminiscenze di Madrid e di un safari africano - con tutte le emozioni che lo scrittore di Oak Park sapeva suscitare. Un romanzo che forse lui avrebbe voluto tragico… 

Cinque momenti a tavola anche oggi, descritti poeticamente:

****

Quella mattina c'erano brioches e marmellata di lamponi e le uova erano à la coque e c'era un bel pezzo di burro che si squagliò quando le girarono nei portauova e le salarono appena e ci macinarono sopra del pepe. 



Avevano fame all’ora di pranzo e la bottiglia di vino bianco era fresca e lo bevvero mentre mangiavano la rémoulade di sedano e le piccole radici e i funghi sottaceto nel grosso vaso di vetro. Il branzino fu fatto ai ferri e le striature della griglia risaltavano sulla pelle argentea e il burro si fondeva sul piatto caldo. 



Il cameriere portò due bicchieri di manzanilla proveniente dalla pianura presso Cadice chiamata Marismas con fette sottili di jamon serrano, un duro prosciutto affumicato di maiali nutriti a ghiande, e salchichòn rosso vivo, piccante, un’altra salsiccia ancora più piccante proveniente da una città chiamata Vich e acciughe e olive all’alio. 



Il gazpacho arrivò in una grande scodella con ghiaccio che galleggiava con le fette di cetriolo croccante, pomodoro, pane all'aglio, peperoni verdi e rossi, e il liquido pepato con grani grossi che sapeva leggermente di olio e aceto. 



Madame prese un cucchiaino di caviale e lo mise su una fetta di pane tostato avanzata dalla colazione e si versò un bicchiere di rosé.


Buon appetito!

6 commenti:

  1. Buona domenica a te, io pranzerò con il buon sapore che mi ha lasciato lo scritto di Hemingway e le golose foto che hai postato.

    RispondiElimina
  2. Ora mangerei: la colazione, il gazpacho, le tartine col caviale! *___*

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Io avrei mangiato solo la colazione ...

    RispondiElimina