sabato 18 gennaio 2014

Il baule nella prateria di Stefano Jacurti

L’edizione del libro contenente i racconti de Il baule della prateria di Stefano Jacurti è uno dei rari e preziosi volumi che possiedo con dedica personalizzata dell’autore. Basterebbe questo per giustificare lo spazio che gli dedico in vetrina per la settimana in arrivo. 

Ma Il baule nella prateria non è solo questo. Le atmosfere che Stefano riesce a evocare con la sua scrittura sono nell’immaginario di molte persone cresciute con i film di Sergio Leone, con opere come Django sino ad arrivare a opere miliari del western hollywoodiano, ma ricordano, a sprazzi, anche i personaggi presenti nei racconti di frontiera di Elmore Leonard. 

Città che nascono e poi muoiono. Uomini di valore. Emarginati che diventano eroi. Ferrovie! Segnali telegrafici. Epoche destinate a finire. 

Nel Il baule della prateria, pubblicato nel 2008, ma arricchito nell’edizione del 2012 da due nuove storie, Sotto una porta del White Buffalo e Una voce nel vento - scritto con una prosa limpida e cristallina - c’è tutto questo: 


Incipit Il libro e la Colt

Il pendolo oscillava lento al centro della stanza. Tom giocherellava con l’orologio, una vecchia patacca che gli aveva regalato suo nonno. Continuava a passarsela tra le mani. Si dondolava all’indietro con la sedia, poggiando i piedi sulla scrivania piena di libri, carte, appunti. Davanti a lui la finestra guardava verso la sua terra: dietro le tendine scolorite si intravedevano le Montagne Rocciose, così vicine, così lontane. 


Nato a Roma nel 1959, Stefano Jacurti, oltre a scrivere, è attore regista di lungometraggi (Inferno Bianco) e regista teatrale. 

Appassionato di storia del west e studioso della guerra civile americana, racconta di essere stato cresciuto dal papà a soldatini e film di Sergio Leone. 

Oltre a Il baule nella prateria edito da Serel International, ha scritto anche un’altra raccolta di racconti: Avrei voluto essere ucciso da Clint Eastwood, edito da Aletti EditoreBastardi per stirpe è, invece, il suo primo romanzo western edito da I Libri di Emil


Per partecipare seguite le regole richieste al seguente post: Una settimana su facebook, oppure scrivete a ferrugianola@hotmail.com

10 commenti:

  1. Sai che l'idea di pubblicizzare per una settimana le opere altrui è bellissima??
    Complimenti!
    Se avessi scritto un libro parteciperei XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz, pubblicizzo anche eventi, musica e altre cose!

      Elimina
    2. Per un amante del genere western come me è un vero piacere conoscere Stefano Jacurti e sapere che ha scritto cose sicuramente meravigliose come "Il baule nella prateria". Sicuramente lo leggerò.
      Anch'io da bambino giocavo con i soldatini e gli indiani d'America. Grazie. Luigi Miele

      Elimina
  2. Non conoscevo questo libro, prendo nota perché spesso capito nei tuoi post e trovo sempre perle!! Grazie

    RispondiElimina
  3. Non amo particolarmente il genere western,ma avendo un marito che adora film e libri che raccontano queste storie vedo e rivedo tutti i film di questo filone,passo quindi questa tua informazione a lui,anzi...quasi quasi gli regalo questo libro !!!

    RispondiElimina
  4. molto interessante come libro ... quasi quasi me lo autoregalo ..grazie per la segnalazione

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy