sabato 2 novembre 2013

Io sono le voci di Danilo Arona

Settimana dedicata al romanzo Io sono le voci di Danilo Arona

L’opera, un thriller scritto con grande maestria e ricco di suspense, ha per protagonista una giovane giornalista investigativa, Cassandra Giordano che scopre un impensabile filo rosso che si rifà a un caso di cronaca degli anni settanta in cui un serial killer a Milano massacrò decine di donne di ogni estrazione sociale. 

Una scoperta che la porterà a essere vittima lei stessa della furia omicida e lascerà il compito di risolvere le indagini nelle mani della sorella minore Arianna e di un ispettore della polizia di stato. 

Questa, a grande linee, senza fare spoiler, è la trama dell’opera. 

Un lavoro superbo dove Danilo Arona dimostra tutta la sua classe di scrittore di razza, mischiando in maniera sapiente una prosa pulita e mai fine a se stessa con sprazzi saggistici a brani di stampo giornalistico. Un'opera dove emerge anche una passione travolgente per il cinema che non toglie però pathos alla storia vera e propria, violenta e cruda. 

Luoghi che si materializzano come sketch cinematografici davanti agli occhi, urla che sembrano uscire dalle pagine, personaggi descritti con una dovizia magistrale e capitoli dal ritmo travolgente che faranno sicuramente piacere agli amanti del genere. 


Incipit: 

Ci vivevano in otto. Un piccolo e isolato rustico nella campagna fra Santa Lucia e San Giovanni. Una costruzione malmessa e pericolante, con il tetto in legno che si andava sgranando e gli infissi che ancora mostravano i segni dei proiettili sparati durante la grande guerra. 


Danilo Arona, scrittore, giornalista, critico cinematografico, è uno dei maestri della letteratura horror italiana. 

Ha pubblicato diversi romanzi tra i quali “L’estate di Montebuio” (Gargoyle Books), “Bad Vision” (Mondadori), “Finis Terrae” (Segretissimo Mondadori), “La Croce sulle labbra” insieme a Edoardo Rosati (Segretissimo Mondadori). 


Per partecipare seguite le regole richieste al seguente post: Una settimana su facebook, oppure scrivete a ferrugianola@hotmail.com. 


3 commenti:

  1. Ma quindi,se non ho capito male,si rifà a dei fatti realmente accaduti?Non ne avevo mai sentito parlare,mi piacerebbe proprio leggerlo questo libro!Grazie per l'info Ferruccio !

    RispondiElimina
  2. Le premesse sono buone. A me piacciono i thriller ricchi di suspense

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy