mercoledì 16 ottobre 2013

I colori giusti per un blog o per un sito

Nelle scorse settimane, malauguratamente non ricordo più dove, mi è capitato di leggere un articolo in lingua inglese dove era spiegato il motivo per cui facebook utilizza quei determinati colori per la sua interfaccia grafica. 

A quando pare non c’è nulla di meglio dei colori scelti dalla società di Mark Zuckerberg per rendere al meglio a livello psicologico ed emotivo. 

D’altra parte pensandoci un attimo mi sono subito ricordato che anche la maggior parte dei programmi di video scrittura e molti altri software, di default, a livello grafico, si presentano servendosi di riscontri cromatici che ricalcano il social network

Ovviamente, dopo aver letto il post, ho fatto subito un’analisi personale per cercare di capire se i colori scelti per il design del mio blog sono giusti e ottimali. Forse non occorre neppure essere uno psicologo professionista per recepire questi aspetti. 

Quante volte vi è capitato di mollare un sito perché vi dà fastidio i colori che lo caratterizzano? 

A me è capitato più di una volta di lasciare immediatamente un blog trovato per caso solo perché l’approccio dal punto di vista cromatico è stato disastroso. 

Non vorrei succedesse lo stesso ai frequentatori casuali del mio blog, anche se con un po’ di presunzione ritengo allo stato attuale di aver adottato degli colori ottimali, benché pensandoci non sia sempre stato così. 

Il primo design che avevo scelto presentava uno sfondo completante nero con il testo bianco. A me piaceva e pure a qualche lettore affezionato, ma quando adottai altri colori ci fu un vero respiro di sollievo e feci contenti tutti. 

Ora in aiuto ci sono anche siti che illustrano quali sono gli effetti trasmessi dai colori, magari per poter scegliere con maggiore consapevolezza i colori da utilizzare per le vostre pagine web. 

10 commenti:

  1. L'unico criterio che ho seguito io è stato di usare uno sfondo opaco su cui si sovrappongono caratteri di un tono più scuro ma non troppo in contrasto con lo sfondo. Sarà che trovo fastidiosi i contrasti troppo forti (tipo testo bianco su sfondo nero, mi rende la lettura difficoltosa). Non mi sono mai chiesto se i colori che ho scelto sarebbero piaciuti o no agli internauti di passaggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi credo sia un problemino da affrontare

      Elimina
  2. Guarda, sono giusto alla ricerca di un nuovo template per rendere il blog più leggibile. Uno magari alla prima esperienza punta su altri aspetti, ma prima o poi bisogna farci i conti. ^^

    RispondiElimina
  3. Il testo nero su bianco è un must. Caratteri sobri, tinte che non siano un pugno in un occhio, un design essenziale ma completo, anche questi sono importantissimi. Evitare scritte che si sovrappongano a uno sfondo variopinto diventando illeggibili... insomma, questo genere di cose che hai pienamente adottato nel tuo blog.

    RispondiElimina
  4. Nel mio blog è un "trionfo" di colori :) a me piace tanto,agli altri non so...tu cosa ne pensi Ferruccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace?

      Elimina
  5. Ammetto di avere una preferenza per i blog limpidi, bianchi, pastello oppure con belle immagini di copertina e/o sfondo che, però, non devono trasparire al di sotto del testo dei post, altrimenti la lettura mi diventa impossibile! Ho preso il mio modello da una sintesi di alcune pagine che mi piacevano particolarmente, escludendo a priori sfondi neri, accozzaglie di colori, cursori animati e accumuli di gadget. Non so se sia stata una scelta ottimale (ai posteri l'ardua sentenza), ma è pur vero che ciascun blogger deve sentirsi a casa propria mentre scrive e pubblica, così come è naturale che i lettori possano essere condizionati dalle scelte grafiche e cromatiche.

    RispondiElimina
  6. ottimo post...!!io ho optato per un classico bianco e caratteri neri, mi sembra la soluzione ottimale, forse dovrei ingrandire un pò i caratteri...cmq qualche cambiamento voglio farlo..aspetto solo di avere 5 minuti in più sono sempre di fretta ultimamente

    RispondiElimina