sabato 31 agosto 2013

I Robot di La Marmora di Alessandro Girola

Vetrina dedicata all'eBook di Alessandro Girola, I Robot di La Marmora, racconto che potrebbe essere definito steampunk, sebbene certe classificazioni, come sostiene l’autore stesso, siano spesso castranti. 

Una storia che vede come protagonista un'astronave-colonia degli alieni Nekton naufragata sulla Terra, nel cuore dell’Impero Austriaco. Lontani anni luce dal loro pianeta, i Nekton hanno scelto di allearsi con gli Asburgo, ricevendo ospitalità in cambio di tecnologia. Grazie a questo patto, gli Austriaci dispongono ora di mostri guerrieri, di carri corazzati e di altre prodigiose armi con cui sfidare il mondo. Ma non tutti i Nekton hanno accettato la decisione del loro ammiraglio. Una minoranza di alieni, ritenendo tale strategia contraria alle direttive della missione, ha chiesto asilo politico nel vicino Regno d’Italia. La dote che questi disertori han portato con sé è quella dei Giganti: enormi automi pilotabili dagli esseri umani, unico baluardo contro le preponderanti forze nemiche. 

Incipit: 
Custoza 24 giugno 1866 
La battaglia volgeva al peggio per i soldati del giovane Regno d'Italia. Nella piana attorno al paese chiamato Custoza, gli Austriaci, che pure avevano subito diverse perdite, oramai avanzavano in carica, travolgendo le brigate tricolori in ritirata. L'ordine di ripiegare era una cosa che molti ufficiali non avevano ben compreso. In fondo, fino a quel momento, la battaglia era stata equilibrata, e gli imperiali avevano sofferto l'impatto coi cavalleggeri italiani, che insistevano nel colpire ai fianchi le divisioni comandate dall'arciduca Alberto d'Asburgo. Tuttavia, c'era una sottile logica nella scelta effettuata dell'alto comando, anche se in pochissimi la conoscevano, almeno fino a quel momento. 
Il capitano Goffredo Gambara ricevette l'ordine di mobilitare il suo plotone. Non se lo aspettava più, tanto che quasi disperava di poter entrare in azione. Dal punto sopraelevato in cui lui e i suoi tre compagni erano nascosti, ossia un vecchio capannone delle ferrovie lombardo-venete, abbandonato un paio di settimane prima dell'inizio delle ostilità, Goffredo godeva di uno sguardo privilegiato sul campo di battaglia. 


Alessandro Girola è nato a Milano nel 1975. 
Scrittore, recensore e blogger da molti anni. Gestisce diversi progetti di scrittura condivisa e collabora con alcuni portali che si occupano di narrativa, di fantascienza, di horror, di misteri, di entertainment e di folklore locale. 

Plutonia Experiment è il suo blog: su di esso si parla di libri e film di genere, di scrittura, di fumetti, ma anche di altro. 

Alessandro lo definisce un blog eclettico, non limitato da paletti troppo rigidi. 

È appassionato del fantastico a 360°. 

Per partecipare seguite le regole richieste al seguente post: Una settimana su facebook, oppure scrivete a ferrugianola@hotmail.com. 


5 commenti:

  1. Grazie mille dell'ospitalità!
    E' bello comparire sul tuo blog. Un onore, senz'altro!

    RispondiElimina
  2. La foto di copertina mi ricorda come stile gli elaborati grafico/pittorici di fine anni 80. Complimenti per la presentazione.

    RispondiElimina
  3. Una fantasia sfrenata, non posso che complimentarmi con Alessandro Girola!

    RispondiElimina
  4. fantasioso direi..complimenti x i post sempre molto interessanti...

    RispondiElimina
  5. Complimenti ad Alessandro Girola per la sua fantasia!

    RispondiElimina