mercoledì 24 luglio 2013

Vai all’Inferno con Dan Brown

Ci sono opere che quando escono creano un tale polverone che è quasi impossibile non venirne in qualche modo coinvolti. 

Questo vale per diversi generi di arte, naturalmente. 

Non è immune da questo meccanismo ciò che sta succedendo attorno all’ultimo romanzo di Dan Brown, Inferno

Adesso, mi rendo conto che anche il sottoscritto, malgrado non abbia ancora letto una pagina e non abbia neppure il libro tra le mani, quasi ogni settimana io ne parli, e sembra quasi che sia pagato per farlo. 

Ma cercate di capirmi sul web non passa giorno, anzi ora direi, senza che davanti agli occhi non compaia qualche news che parli del fenomeno. 

L’ultima che mi è capitata di notare e che dunque mi trovo a segnalare, riguarda la creazione di un sito, Inferno in Florence con tutte le location visitate nella corsa contro il tempo dalla dottoressa Sienna e dal Prof. Langdon: dal Battistero a Palazzo Vecchio, dalla casa di Dante alla Chiesa di Dante, da Palazzo Pitti a Ponte Vecchio senza dimenticare Santacroce e il Campanile di Giotto... 

Insomma una vera manna di informazioni per i fan dell’opera introdotti con savoir -faire nella pagina iniziale del sito con una scitta che dice che Robert Langdon è tornato per risolvere un nuovo mistero e questa volta, il professore presso l'Università Harvard, nonché stimato esperto internazionale di simbologia religiose, dovrà risolvere un mistero italiano. 

Sono queste le premesse alla base del libro Inferno utili per affrontare un enigma dove tutti i personaggi non sono quello che sembrano. 

Tuttavia, fra i tanti colpi di scena, sembra che le vere protagoniste del libro siano le città che fanno da sfondo all’avventura: Venezia e Instabul, ma sopratutto Firenze, ovvio!


2 commenti:

  1. Ho letto con grande passione il codice da vinci, comprai angeli e demoni e manco lo apri... questo non so,.. forse non è il mio genere.

    RispondiElimina
  2. Ma, ti dirò, io leggendo gli altri romanzi di Brown, sicuramente con il secondo (di cui ovviamente non mi ricordo il titolo) il giretto per i luoghi di Roma, da lui descritti, me lo sono fatto!!!

    RispondiElimina