sabato 13 luglio 2013

Samuel Beckett: il suo Murfhy all’asta per oltre un milione di euro

Un manoscritto del romanzo di Samuel Beckett, Murphy è stato venduto l'altra sera da Sotheby's a Londra per oltre un milione di euro

I sei quaderni che lo compongono, completi di note e scarabocchi dell'autore irlandese, coprono più di settecento pagine e comprendono anche brani inediti che sono stati tagliati dal romanzo originale quando è stato pubblicato nel 1938. 

Il blocco è stato acquistato dall'Università di Reading nel Regno Unito per 1.100.000 di euro, pari 962.500 sterline. 

Samuel Beckett, Premio Nobel per la letteratura nel 1969, è considerato uno degli scrittori più influenti del ventesimo secolo e senza dubbio, e senz’altro una delle più significative personalità del Teatro dell’assurdo, genere caratterizzato per i dialoghi nonsense, ripetitivi e serrati, ma capaci di suscitare il sorriso malgrado il senso tragico del dramma che spesso caratterizzavano la vita dei personaggi protagonisti. 

Murphy fu scritto dall'autore irlandese tra l'agosto 1935 e il luglio 1936 e pubblicato nel 1938, nel periodo in cui Beckett era in terapia psicoanalitica. 

Peter Selley, specialista in libri e manoscritti da Sotheby’s, ha dichiarato che l'interesse per questo straordinario pezzo di storia della letteratura è stata davvero generale e senza dubbio si tratta del più importante manoscritto di un romanzo completo scritto da autore moderno scrittore britannico o irlandese ad essere messo all’asta. 

Un manoscritto in grado di ridefinire studi Beckett per molti anni a venire. 

Anche Sir David Bell, vice rettore dell'Università di Reading, ha dichiarato entusiasta che l’acquisizione di Murphy offrirà opportunità senza precedenti per saperne di più su uno dei più grandi scrittori a memoria d'uomo, se non di tutti i tempi.

6 commenti:

  1. Il mio prof d'italiano impazzirebbe per il tuo blog ! ottimo articolo

    RispondiElimina
  2. Poter toccare un manoscritto, con le sue cancellature, le correzioni e perché no, i ghirigori scarabocchiati tra un verso e l'altro, è un po' come avere tra le mani l'essenza stessa dell'autore. Magari chi lo ha comprato spera gli possa trasmettere parte dello "spirito artistico" di Beckett. :-)

    RispondiElimina
  3. Buona cosa sapere che è stato acquistato da un'Università e non da un collezionista qualsiasi, che li relegherebbe in qualche museo privato.

    RispondiElimina
  4. Importante scrittore del novecento. Una cifra veramente alta per questo manoscritto. Trovo giusto che sia stato acquistato da un Universita'.

    RispondiElimina
  5. Quanti ricordi inerenti i miei studi affiorano leggendo il tuo post dettagliato e ben fatto come sempre!

    RispondiElimina
  6. dovevano mettere qualcosa di lui come traccia all'esame di maturità.Sarebbe stato forse più interessante!

    RispondiElimina