venerdì 12 luglio 2013

Nelle cerchie di google plus due anni dopo

Il social network del motore di ricerca ha raggiunto due anni di vita, e nato infatti, a invito alla fine di giugno del 2011. Sono stato invitato a iscrivermi quasi subito e oggi sarebbe il mio secondo compleanno, compleanno che festeggio con i mille account presenti nelle mie cerchie. 

Un numero elevato che soprattutto mi colpisce perché, a dispetto per esempio di quello che succede con le amicizie di facebook - dove si ha quasi la frenesia del numero - sul social della casa di Mountain Wiew non mi sono mai interessato molto all’ampliamento. 

Diciamo che sono arrivato a mille senza quasi saperlo! 

Tuttavia queste cerchie diventano sempre giorno dopo giorno più importanti e dovrebbero essere usate con tutti i crismi visto che sono la parte essenziale di Google+

Il loro uso cosciente permette di mettere insieme i rapporti con le persone in base alla percezione che si ha di loro nella vita reale. 

Insomma con un po’ di pazienza e buona volontà studiando esattamente i meccanismi di gestione dei vari livelli delle cerchie si potrebbe ottenere un risultato molto più mirato e con enormi garanzie dal punto di vista delle privacy

La condivisione di un post, tanto per fare un esempio, potrebbe essere indirizzata soltanto a chi effettivamente desidererebbe leggere un determinato articolo, un particolare status potrebbe finire nello stream solo a chi affettivamente vorremmo arrivasse e lo stesso vale per tutta una serie di servizi che si avrebbero a disposizione. 

Altra cosa molto importante poi consiste nel fatto che su Google+ non ci sono account fake visto che il social dispone di un sistema di identificazione visibile tramite un'icona con un visto accanto al nome del profilo che garantisce sull’identità reale. 

Ho la netta sensazione. tuttavia, che il modo di utilizzo di cui mi servo sia ancora quello di un principiante che si muove selvaggiamente e in modo rozzo, trascurando enormi possibilità che potrebbero far fare un salto definito al blog. 

Invece l’unica cosa che mi sono limitato a fare è state quella di creare una pagina, a proposito eccola: Blog di Gianola Ferruccio (qui il nome si può cambiare, non funziona come sulle pagine di facebook).

6 commenti:

  1. Auguti!
    A me piace troppo sto google plus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a dire il vero non c'ho ancora capito molto

      Elimina
  2. Il fatto è che ci sono in giro troppi Social e riuscire ad usarli tutti in modo corretto diventa abbastanza complicato. Ma uno di questi giorni devo decidermi a dedicare un po' di tempo su Google Plus per cercare di capirlo meglio.

    RispondiElimina
  3. Io sono entrata da poco e anch'io devo capire bene tutti i meccanismi, per alcune cose lo preferisco a Facebook.

    RispondiElimina
  4. Effettivamente nemmeno io ho ben capito i meccanismi.Dovrei impegnarmi di più.Forse scopriamo che è più 'figo' di facebook e certamente, questo sì, più rispettoso della privacy.

    RispondiElimina