lunedì 29 luglio 2013

La felicità non ha prezzo su Happier

Happier, è un nuovo social network lanciato lo scorso febbraio da una start-up di Boston, guidata da Nataly Kogan - una giovane donna 37enne di origine ebrea, nata e cresciuta nell’ex Unione Sovietica, fuggita nel 1989 con la sua famiglia a soli 13 anni per sbarcare negli Stati Uniti. 

Il social da lei ideato ha funzionalità simili a quelle di altri social network, come Twitter e Instagram, Facebook e via di seguito, ma richiede in maniera specifica ai suoi utenti di condividere e pubblicare solo brevi post su ciò che li fa sorridere e li rende felici, evitando tutto quello che possa apparire come negativo. 

Insomma Happier prende le distanza dagli status presenti sugli altri social network, dove gli iscritti possono postare qualsiasi cosa: foto, canzoni, notizie e commenti relativi a ogni argomento - argomento bello o brutto che sia. 

Al momento il social conta oltre 100.000 iscritti che hanno già postato un milione di momenti felici: da sensazioni suscitate dallo yoga, a foto di compleanni e matrimoni o anche al semplice volo di una farfalla. 

L’obiettivo di Happier dopotutto è quello di ispirare le persone a essere più felici e la sua ideatrice Nataly Kogan crede fortemente in questo progetto, che a suo parere riuscirà a stimolare la positività ogni giorno. 

In fondo la sua idea è piaciuta così tanto che la Resolute Vc and Venrock le ha dato 2 milioni 400 mila dollari per partire, e c'è chi sostiene che il social faccia già gola ai veri colossi del web. 

La felicità non ha prezzo!

9 commenti:

  1. Ricorda un po' l'ultima pubblicità della Coca Cola...

    RispondiElimina
  2. carinissima idea ,un social felice ^_^ bello

    RispondiElimina
  3. Ho già sentito parlare di Happier, quasi quasi mi iscrivo!

    RispondiElimina
  4. Molto interessante , non conoscevo questo nuovo social network, almeno non ci manda in depressione anzi !!!!

    RispondiElimina
  5. senza dubbio ci libererebbe di tanti piagnoni su faccialibro ^^

    RispondiElimina
  6. Francesco Bianchi29 luglio 2013 18:58

    forse dovrei iscrivermi :-)

    RispondiElimina
  7. carino, ma poco reale... certamente di cose che fanno ridere ce ne sono.In questo paese spopolerebbe.

    RispondiElimina
  8. Interessante non conoscevo questo nuovo social network, adatto a chi soffre di depressione e vuole una vita di rose

    RispondiElimina