domenica 14 luglio 2013

J.K. Rowling: c'è lei dietro Robert Galbraith

JK Rowling, la famosissima e ricchissima autrice dei romanzi dedicati al maghetto Harry Potter, ha scritto un romanzo giallo, diventato in pochi mesi un best seller, senza che i lettori sapessero esattamente con chi avessero a che fare. 

Il romanzo, intitolato The Cuckoo’s Calling (Il richiamo del cuculo) - paragonato a opere di narrativa di scrittori prolifici di Crime-Story come Ruth Rendell e PD James - è stato rilasciato da Sphere, una collana della casa editrice Little Brown e narra gli avvenimenti che seguono la misteriosa morte di una modella che cade da un balcone, situazioni che un veterano di guerra, Cormoran Strike, trasformato in investigatore privato cerca di risolvere. 

Si tratta di un lavoro di  450 pagine, è uscito lo scorso aprile  ed è presentato e firmato come opera di esordio dello scrittore Robert Galbraith

In realtà, già qualche tempo fa l’editore aveva dichiarato che Robert Galbraith non era altro che lo pseudonimo dietro al quale si nascondeva l’autore vero. 

E ora si sa che si tratta della Rowling

La scrittrice lo ha rivelato al Sunday Times confessando di aver sperato di mantenere nascosta la vera identità dietro lo pseudonimo dichiarando allo stesso tempo che scrivere in questo modo, lontano dal clamore e dall’aspettativa del pubblico è stata un’esperienza liberatoria. 

Il romanzo ha ricevuto critiche sia positive ama anche negative, ma ha avuto buone vendite e sarebbe già stato scelto dalla BBC per un adattamento televisivo, oltre ad essere stato ben accolto con numerose recensioni a cinque stelle su Amazon.

10 commenti:

  1. In queste occasioni mi chiedo sempre: come fa un emerito sconosciuto a diventare subito famoso come nel caso di questo Galbraith?
    Non credo che il fatto che dietro ci sia uno scrittore di professione, e che quindi il testo dovrebbe essere perlomeno impeccabile, basti da solo.Come si convince il lettore a comprare un (falso) esordiente come Galbraith?

    RispondiElimina
  2. che dritta, si penso che a volte ci siano delle manovre di marketing

    RispondiElimina
  3. Caspita...questa donna ha fatto una saga che le ha fruttato un sacco di soldi e sinceramente non mi dispiace come scrittrice e la saga Harry Potter l'ho letta tutta...sarei curiosa di leggere il giallo...grazie :)

    RispondiElimina
  4. Incredibile! evidentemente questa scrittrice scrive per il gusto di farlo, indipendentemente dal business!

    RispondiElimina
  5. è un genio oltre che la mia regina devo a lei molto e credo questa sia l'ennesiama prova della sua genialità... la adoro

    RispondiElimina
  6. in un articolo del "post" di ieri si dice che il nome delle rowlings è stato fatto dal sunday time e fino ad allora aveva venduto solo 1500 copie.dopo l'indiscrezione del tobloid le vendite su amazon sono cresciute di circa cinquemila volte.

    RispondiElimina