domenica 26 maggio 2013

Il decalogo letterario di Ana Maria Matute

Per la seconda volta in un mese e sempre di domenica è un’autrice spagnola - dopo Carmen Jodra - a venirmi in soccorso con un decalogo di consigli letterari degni di nota. 

È la volta di Ana Maria Matute Ausejo ( Barcellona , 26 luglio del 1925 ), scrittrice membro della Reale Accademia di Spagna. 

Ana Matute è una delle voci più personali della letteratura spagnola del XX secolo è la terza donna a ricevere il Premio Cervantes, ottenuto nel 2010. Da molti è considerata come uno dei migliori romanzieri del dopoguerra spagnolo. La fonte del post è sempre il sito Los Manuscritos Perdidos:

1 - Scrittori si nasce, non si diventa: è una questione di essere o non essere. 

2 - Scrivere è anche una forma di protesta. Quasi tutti gli scrittori condividono il disagio con il mondo.

3 - Finché ci sarà un poeta, la poesia esisterà. 

4 - Insegnanti, modelli, studi non sono mai troppi e possono aiutare, ma non creano. 

5 - La scrittura è sempre molto difficile, soprattutto farla in modo apparentemente semplice.

6 - Il politicamente corretto non è quasi mai letterario. 

7 - Per uno scrittore, non c'è nessuna università o scuola che insegna ciò che insegna la vita.

8 - La scrittura non è solo una professione e una vocazione: un modo di essere e di vivere.

9 - Un libro non esiste se qualcuno non lo legge. E nessuno legge mai lo stesso libro. 

10 - Il giorno in cui penserai di aver scritto qualcosa di perfetto, sarai morto (come scrittore).

24 commenti:

  1. La perdono in quanto spagnola, perché a noi italiani, l'Alfieri ci ha insegnato che scrittori si può anche diventare, se si vuole, fortissimamente si vuole... basta farsi legare a una sedia ☺. Ovviamente scherzo, credo d'aver capito quanto di profondo c'è dietro al suo primo messaggio, per cui: chapeau ad Ana Maria!

    RispondiElimina
  2. Come hai scritto su FB, questo decalogo non è affatto scontato. Ottimo.

    RispondiElimina
  3. è proprio vero "scrivere è soprattutto un grande piacere" è qualcosa che si ha dentro da dire e raccontare!

    RispondiElimina
  4. Come non essere d'accordo col punto n°7? e' solo la vita che insegna... e non c'è frase più adatta...

    RispondiElimina
  5. E' proprio vero ad uno scrittore nessuno gli insegna cosa e come scrivere, lo scrivere viene dal cuore ed uno scrive quello che si sente!

    RispondiElimina
  6. Vero che la scrittura e sempre difficile, pur scrivendo in modo semplici ogni uno poi interpreta in modo diverso. Adoro questa scrittrice spagnola

    RispondiElimina
  7. Consigli da tenere a mente...anche se non sono "leggi universali" ;-)

    RispondiElimina
  8. Una persona per poter scrivere deve avere un mondo dentro ...altrimenti non arriverà mai ... molti si improvvisano,ma solo chi ha davvero qualcosa da raccontare lascia ilsegno ...

    RispondiElimina
  9. Ho letto con molto interesse questo articolo...mi trova d'accordo con il punto 8 La scrittura non e' solo una professione...un modo di essere e di vivere!

    RispondiElimina
  10. io sono d'accordo con lei, ci deve essere il dono alla base. tutti possono scrivere, ma solo che ha il dono poi colpisce nel segno!

    RispondiElimina
  11. concordo su tutto, scrivere è un'arte nobile che viene dal cuore!

    RispondiElimina
  12. Se non hai un mondo interiore, puoi scrivere e riscrivere che...non hai scritto nulla:-)

    RispondiElimina
  13. La scrittura non è solo una professione e una vocazione: un modo di essere e di vivere. Questa e stupenda!!!

    RispondiElimina
  14. Non tutti sono capaci di esprimersi ma a volte la cultura aiuta nello stilare parole chiare e semplici, per il resto dei punti concordo in tutto

    RispondiElimina