giovedì 23 maggio 2013

Confucio ispiratore di Twitter, secondo i cinesi di Weibo

Confucio non è soltanto l’ispiratore del Confucianesimo, una delle maggiori tradizioni filosofiche, morali e politiche della Cina, sviluppatasi nel corso di due millenni a partire dai suoi insegnamenti. 

In Cina stanno pensando seriamente anche al fatto che Confucio possa essere lispiratore di Twitter. 

Tutto sarebbe nato da un articolo postato su Weibo, il più diffuso servizio di microblogging della Cina - visto che nel paese Twitter e Facebook sono vietati - dove viene evidenziato che l’opera più famosa e studiata di Confucio, i Dialoghi, sarebbe strutturata in capitoli formati da paragrafi inferiori ai 140 caratteri ciascuno, esattamente lo stesso limite imposto da Twitter e di Weibo

Confucio, inoltre, usava parole semplici per dare un messaggio profondo e i vari paragrafi contengono versi, idee che sono il suo stesso pensiero, pressappoco simili come concezione ai tweet che ogni utente del social network usa per postare la propria idea. 

Come se non bastasse c’è anche il fatto che il filosofo aveva oltre 3000 seguaci e che parlava di una politica della benevolenza, per la quale non c’era spazio. 

Insomma, magari è solo un caso, e si tratta della solita notizia che circola per fare un po’ di baccano in rete, ma chi sa veramente se Jack Dorsey,  il creatore e fondatore  di Twitter e e amministratore delegato di Square,  non si sia davvero ispirato a Confucio per il suo social network? 

30 commenti:

  1. Non immaginavo che ci fossero alcune cose che potevano associarsi fra Confucio e Twitter.. magari è casualità...

    RispondiElimina
  2. Solo adesso ci arrivano i cinesi... Già #paulocoelho 4 anni fa aveva cinguettato: "Clonazione Confucio: un buon Tweet è del 5% ispirazione, 10% traspirazione, e l'85% di editazione per adattarsi ai 140 caratteri" :-)

    RispondiElimina
  3. sì, probabilmente sono solo casualità, ma bravo chi trova le assonanze :-)

    RispondiElimina
  4. beh noi con tutte queste tecnologie siamo più avanti, la saggezza l'abbiamo applicata creando questri mostri tecnologici

    RispondiElimina
  5. che belle informazioni e curiosità che trovo ogni volta nel tuo blog!! davvero interessante seguirti :-)

    RispondiElimina
  6. Articolo davvero molto interessante....complimenti....

    RispondiElimina
  7. Ahahaha!!pazzesco..sarà solo una casualità???? intanto devo decidermi ad iscrivermi su twitter! ;)

    RispondiElimina
  8. Addirittura l'ispiratore di twitter! Non ci posso credere... secondo me è solo una coincidenza..

    RispondiElimina
  9. Bene, pensavano ai social già nell'antica Cina, meglio essere globale

    RispondiElimina
  10. Come sempre articoli molto interessante, hai toccato un altro tema importante ( anche si non è il argomento dal post) la mancanza di libertà di spressione in Cina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono all'altezza per un lavoro del genere

      Elimina
  11. Un social ha di fondo l'idea di comunicare, di aprirsi al mondo e sicuramente l'ispirazione a Confucio potrebbe esserci stata.
    Peccato che in Cina ne sia vietato l'uso, anche se da un'altra parte ad alcune persone che non sanno neppure comportarsi nella vita reale dovrebbero togliergli anche quella virtuale :P
    Grazie della "perla" che non conoscevo, è bello imparare ogni giorno qualcosa di nuovo :)

    RispondiElimina
  12. probabilmente entrambi hanno capito il metodo giusto per comunicare allora come adesso

    RispondiElimina
  13. ....ogni volta come sempre nel tuo blog trovo degli articoli davvero interessanti!!!! Grazie...

    RispondiElimina
  14. mamma mia che casualità... oppure é qualcosa di trascendentale che non possiamo spiegare?

    RispondiElimina