sabato 6 aprile 2013

Le megere di Simone Lega

La vetrina per la settimana in arrivo è dedicata al racconto Le megere di Simone Lega. Lo potete acquistare al prezzo di 2,99 Euro sul sito di Edizioni Graphe.it

Un racconto angosciante e inquietante a dire poco: Simone immagina infatti, cosa potrebbe accadere nelle nostre città e alle nostre vite se l'altra metà del cielo (le donne) a un tratto si rivoltasse contro la controparte maschile. 

Ecco l’incipit del racconto: 

In quei giorni la civiltà si fermò. I palazzi ingrigirono e caddero a pezzi per mancanza di manutenzione, le auto smisero di circolare e le strade andarono in rovina, dall’asfalto spaccato spuntavano erbacce di ogni tipo. Le autostrade smisero di esistere, sepolte sotto strati di fitta vegetazione. La gente usciva solo nelle ore di luce, di corsa e tenendosi al riparo sotto i cornicioni pericolanti. I supermercati erano chiusi da tempo e rimaneva appena qualche piccola bottega con la saracinesca aperta a metà dove fare veloce rifornimento di viveri per poi ritornare subito a casa. Le ore del giorno si erano drasticamente ridotte negli ultimi tre anni. Albeggiava intorno alle 11 e alle 15 era già sera. Il cielo era perennemente coperto da una spessa nube grigia. Non esistevano più stagioni, estate e primavera erano solo un ricordo del passato. Non esisteva più un governo. Non c’era più polizia né alcun tipo di autorità. Era il caos, dal maledetto giorno in cui erano arrivate loro. 

Simone Lega nasce il 13 novembre 1978 a Siracusa. Ha pubblicato racconti in antologie (I corti seconda stagione, Edizioni XII; L’ira, La Lussuria, Perrone Editore; Mistero, Fratelli di razza, Il Mondo Digitale Editore) e su varie riviste (Lettere Meridiane, In-Out, I Siracusani, Cronaca Vera, Knife). Vincitore del premio letterario USAM Showdown – racconto dell’anno 2009 e INarratori 2010. Ha scritto testi per il Teatro Instabile di Siracusa, ed è promotore dello spettacolo-reading Storie di gente che non c’è

Per partecipare seguite le regole richieste al seguente post: Una settimana su facebook, oppure scrivete a ferrugianola@hotmail.com. 

12 commenti:

  1. Ehm non oso immaginare il finale .. speriamo sia un bel finale .. Bisogna leggerlo !! :-)

    RispondiElimina
  2. Tre euro per un racconto quando in giro ci sono (buoni) romanzi a 0,99€.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non giudico mai un lavoro dal prezzo. Ho speso anche 100 euro per libri cartacei e adesso li trovi scaricabili in rete gratuitamente. Capisco la tua perplessità.
      Io tuttavia sostengo che la crisi dell'editoria sia dovuta principalmente a questo criterio di anarchia che la domina.

      Elimina
    2. Ovvio, neanch'io giudico un lavoro dal prezzo, ce ne sono certi carissimi che come contenuti fanno schifo e altri quasi regalati che a leggerli sono dei capolavori.
      Però. Chiedere più di un euro per un racconto sotto le cinquanta cartelle è aldilà della mia comprensione.

      Elimina
    3. Ci saranno delle politiche della casa editrice, torno a ripetere anche il mercato degli ebook e molto strano

      Elimina
  3. Avete già conosciuto delle megere? Per megere intendo delle donne inacidite che passano il tempo a sminuire chi sta loro intorno, e persino i loro mariti, col solo pretesto che hanno dei soldi o che sono delle donne? Vedi questa discussione: http://www.localizzare-cellulare.it/alcune-megere-tormentano-il-loro-coniuge/

    RispondiElimina