mercoledì 3 aprile 2013

La classifica dei miei social networks

Dopo aver verificato il numero notevole di ingressi e di visite ottenuto con il blog postando articoli legati ad argomenti di tipo tecnico, ho pensato bene di approfondire il discorso e di fare una piccola classifica di merito dei social networks che utilizzo o che ho in qualche caso utilizzato - naturalmente da un punto di vista meramente soggettivo.

1 - Facebook: ho il profilo e pure la pagina, dei vantaggi e degli svantaggi che mi porta in merito al blogging ho parlato anche nel post legato ai Dieci aiuti per il blog. Insomma per il momento non posso farne a meno.  

2 - Google Plus: social network gratuito creato da Google Inc. nel 2011, anche in questo caso possiedo un account profilo e una pagina, più o meno vale il discorso che ho fatto per facebook. 

3 - Twitter: servizio gratuito di social network e microblogging che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri. Se usato bene potrebbe essere il numero uno per ora lo metto al terzo posto. 

4 - LinkedIn: servizio web di rete sociale, impiegato principalmente per lo sviluppo di contatti professionali. Lo uso da diversi anni. Ogni tanto mi permette di ricavare qualche commissione. Discussioni di qualità e professionisti al suo interno è il punto di forza. Andrebbe usato meglio 

5 - FriendFeed: un servizio web che consente l'aggregazione in tempo reale degli aggiornamenti provenienti da reti sociali, blog, tumblelog o più in generale da qualsiasi servizio che renda disponibili i propri contenuti tramite feed RSS o Atom. È forse la prima tipologia di social di cui mi sono servito ma non mi ha mai portato grandi vantaggi. Qualcuno dice che era ottimo prima dell’esplosione di facebook. 

6 - Tumblr: piattaforma gratuita che consente di creare un tumblelog offrendo sia la piattaforma software sia lo spazio web necessario. Lo uso, saltuariamente, da due anni, non mi porta traffico al blog ma è molto diverte e a volte è fonte di ispirazione 

7 - You tube: sito web che consente la condivisione e visualizzazione dei video. Dovrebbe avere del potenziale in base a certi progetti che ho in mente. 


8 - aNobii: social network dedicato ai libri. Ho inserito alcune recensioni, ma ormai non uso questo social da almeno un anno, ottimo per discutere di libri, ma non sicuramente come veicolo di - Social gratuito 

9 - Myspace: comunità virtuale, e più precisamente una rete sociale, creata nel 2003 da Tom Anderson e Chris DeWolfe. Offre ai suoi utenti blog, profili personali, gruppi, foto, musica e video. Ma ne sono servito per qualche tempo, l’ho abbandonato quando ho creato il blog. 

10 - Netlog: sito belga di social networking che si rivolge in particolare alla gioventù europea. Devo avere il profilo da qualche parte ma non ricordo più con quale account me ne servo, mi spiace. Non posso dire altro. Lo usato un paio di volte sole senza capirne il motivo

16 commenti:

  1. Su tumblr che cosa segui principalmente? io lo uso da un paio di mesi con continuità ma trovo difficile creare una rete come invece avviene su wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello che capita in tutta sincerità, poi se trovo qualche imagine che mi ispira ci posso fare un post... tumblr lo trovo diverte nulla dipiu

      Elimina
    2. si per quanto mi riguarda è diventato un canale dove pubblico tutto quello che non ha l'etichetta di post (Blog) o informazione (Twitter)

      Elimina
  2. Io sono assai arretrato in questo settore, uso solo twitter (da poco tempo) e anobii.

    RispondiElimina
  3. Non so se tumblr serva, però concordo: è divertente oltremisura, e si trova un sacco di roba interessante!

    RispondiElimina
  4. classifica che sostanzialmente condivido

    RispondiElimina
  5. Sono in fase di riconfigurazione dei miei rapporti con i social network: facebook sta diventando pesante anche se ho dei debiti di riconoscenza pesanti, riguardo la mia attività di scribacchino. Sto privilegiando Twitter, più snello, più pratico e con utenza meno isterica ed esagitata.Su Linkedin sono registrato ma nulla più, forse devo rivalutarlo. Ho anche profili su Netlog, verso il quale sono indifferente, Tumblr, dove trovo foto fantastiche ma nulla più e anche una bacheca su Pinterest, per il quale ribadisco il concetto espresso su Tumblr. Sto cercando di fare in modo che molte relazioni passimo maggiormente attraverso Wordpress ma è difficile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, bisognerebbe poter lavorare senza i social ma al momento è dura starne senza

      Elimina
  6. D'altronde, traffico, utenza e "massa" ora come ora attraversano irrimediabilmente il panorama social, per l'Italia, direi che attualmente, facebook è predominante.

    RispondiElimina
  7. esiste ancora my space? carne da macello :D

    RispondiElimina
  8. io preferisco twitter..mi trovo davvero bene

    RispondiElimina