lunedì 15 aprile 2013

Il mio nome è Secretan… James Secretan

James Bond, l’agente segreto creato dalla fantasia di Ian Fleming originariamente si chiamava James Secretan, almeno così emerge in una prima bozza di Casino Royale (primo romanzo della serie) che sarà presentata in settimana per i 60 anni dalla nascita ufficiale di 007. 

A raccontarlo è la nipote dello scrittore, Kate Grimmond

Nella bozza originale nell’originale, il nome di Secretan è stato cancellato con l’inchiostro blu di una penna stilografica ed è stato sostituito da Fleming dal più celebre Bond… James Bond, forse consapevole che il nuovo nome gli avrebbe portato successo. 

Sempre nella bozza del romanzo, anche Miss Moneypenny era stata originariamente chiamata signorina Pettavel

In realtà pare che Fleming volesse affibbiare a Bond due nomi, quello più noto e attuale a uso degli amici intimi e degli esponenti del servizio segreto, mentre quello di Secretam come nome di copertura. 

Poi lo scrittore resosi conto della confusione che a cui il dualismo poteva portare si decise alla scelta di Bond - nome che fu ispirato allo scrittore da un ornitologo americano, il cui libro gli capitò per caso tra le mani proprio mentre stava cercando un nome incisivo per la sua creatura. 

Secretan, invece, sempre secondo le informazioni rilasciate dalla nipote, sarebbe derivato dal nome di un filosofo svizzero del XIX secolo, Charles Secretan.

13 commenti:

  1. Eh be', son belle cose! E per fortuna. Secondo me metà del successo di Bond nasce proprio dal suo nome... breve, affascinante, facile da ricordare.

    Ma te lo immagini: Il mio nome è Secretam... James Secretam!

    MPF!

    RispondiElimina
  2. beh...Secretan sarebbe stato banale per un agente segreto.

    RispondiElimina
  3. Effettivamente da un punto di vista sonoro è infinitamente meglio il classico "James Bond". Chissà se "Secretan" avrebbe avuto lo stesso successo...

    RispondiElimina
  4. Pericolo scampato. Secretan. Brrr.

    RispondiElimina