venerdì 15 marzo 2013

Venerdì pesce

Oggi, come quasi tutti i venerdì della mia vita, mangerò pesce. 

La questione religiosa legata alla Quaresima centra solo in parte in questa scelta di menù. Sono stato educato secondo determinati principi religiosi, ma in questo campo sono molto riservato e ho d’altra parte una visione molto personale della faccenda che mi impedisce di esprimere il mio pensiero in maniera profonda utilizzando un post di trecento parole. 

Però sta di fatto che oggi mangio pesce e che quindi mangio di magro e in questo caso non vado e toccare certi principi cristiani. Tuttavia voglio parlare di una faccenda legata al pesce e non alla religione, perché oggi cucinerò delle seppie di piccole dimensioni che ho acquistato fresche e che ho già fatto pulire. Non userò la griglia ma bensì un padella antiaderente, unta appena appena con un filino d’olio extra vergine di oliva. Poi metterò le seppie a cuocere per circa quattro o cinque minuti ricordandomi di girale a metà cottura e una volta cotte le condirò con un trito di prezzemolo (congelato), olio extraverginee limone. 

Una ricetta semplicissima da accompagnare con un sorso di Pecorino di Offida

Intanto però mi chiederò se il detto Venerdì pesce è legato solo alla questione quaresimale e di digiuno o ci sono altre motivazioni alla base: un po’ come quando si dice Giovedì gnocchi e poi Sabato trippa. E allora è probabile che andrò a fare una ricerca su internet e troverò come risposta una voce che sosterrà come nel dopoguerra le trattorie romane cominciarono a servire a rotazione, durante la settimana dei piatti tanto semplici quanto tipici. Così nel menù c’erano gli gnocchi al giovedì, il venerdì era di pesce (in osservanza del precetto cattolico) e il sabato era il momento delle trippa (allora i manzi e i vitelli si macellavano solitamente alla vigilia della domenica), piatto sostanzioso che anticipava la festa del giorno successivo. 

Boh, sarà, ma a me questi luoghi comuni non mi convinceranno del tutto e come al solito chiederà a voi lumi: magari conoscete pure altri detti!

12 commenti:

  1. Provali così
    http://beppeiaf.altervista.org/blog/cefalopodi-ustionati-calamari-alla-piastra/

    RispondiElimina
  2. Mia moglie si è ritirata dalla spesa proprio in questo momento cu' dduje lacierti (con due sgombri), vongole cozze e lupini. Le ho chiesto perché il Venerdì compra il pesce, mi ha risposto: ma tu non tieni niente altro da fare? La tradizione vorrebbe che andassi io a comprare il pesce ... ma a me mi fanno fesso!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaha, capisco... che roba buona ha preso tua moglie

      Elimina
  3. Venerdi pesce, giovedi gnocchi, sabato trippa tienili come post banale dell' anno prossimo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci tenevo a far vedere che so cucinare :*

      Elimina
  4. Io ho fatto colazione con fegatelli di maiale in padella ..........

    RispondiElimina