venerdì 15 febbraio 2013

Questione Zombie al Parlamento canadese

Bizzarro e particolare scambio di battute durante un dibattito tra ministri del Parlamento canadese avvenuto durante la settimana. 

Il ministro degli Esteri canadese John Baird è stato costretto a rispondere a una questione sollevata da Pet Martin, deputato al Parlamento canadese del New Democratic, che è arrivato a chiedere se lo stato nordamericano è pronto a respingere un'invasione di zombie, reale o meno che sia. 

Il Ministro ha risposto alla provocazione pacatamente, senza perdere la calma, giungendo ad assicurare che il Canada non sarà mai terra di conquista dei morti viventi. La domanda di Martin, tuttavia, non è così casuale come a prima vista potrebbe sembrare e fa riferimento a un recente rapporto che il dipartimento di pubblica sicurezza della provincia francofona canadese del Quebec ha utilizzato in un ipotetico scenario di disastro zombie. 

Sta di fatto che gli ipotetici scenari da apocalisse zombie sono diventati popolarissimi sia in Canada e sia negli Stati Uniti e vale la pena sottolineare che i Centri statunitensi per il Controllo delle Malattie (CDC) hanno addirittura messo a punto una graphic novel zombie sul loro sito web dal titolo Preparazione 101: Zombie Pandemic, benché, nel 2012, lo stesso centro rilasciò una dichiarazione ricordando ai lettori che gli zombie non sono reali, dopo le voci online e di panico che un apocalisse zombie si stava preparando a seguito di una serie di episodi inquietanti cannibalismo negli Stati Uniti. 

Fonti: 

2 commenti:

  1. Ok, sono un bimbo scemo, ammetto che quando sono arrivato al deputato di nome Pet ho fatto un po’ fatica a levarmelo dalla testa e concentrarmi sul resto. Pet dei New Democratic, sembra una linea di giocattoli di sensibilizzazione politica della Mattel®.

    Ve bene, non pensiamoci.

    Gli zombie, ecco… questa botta di interesse globale mi incuriosisce. Sarà la solita e ciclica voglia millenarista che viene ogni tot anni, come il Millennium Bug che doveva calcincularci indietro nel tempo devastando la tecnologia, facendo partire le testate nucleari e impedendo a mia madre di scoprire come finirà Beautiful? Mah, forse c’è di più, e magari qualche analista socio-geo-politico è già al lavoro, in generale però trovo divertente quando la gente si preoccupa per queste cose perché mi ricorda il gatto che ha per nemesi la sua coda, e allo stesso modo la guardo e mi faccio quattro risate.

    RispondiElimina