giovedì 21 febbraio 2013

Arricchirsi e non solo con i libri

È andata bene alla scrittrice Praticia Cornwell. L’autrice di Miami considerata dalla critica la regina del romanzo poliziesco, ha vinto la causa per danni che aveva promosso contro gli ex gestori del suo patrimonio. 

L’azione legale era stata avviata nel 2009, per la cattiva gestione del patrimonio della scrittrice da parte della società Anchin, Block and Anchin di New York (una società che annovera tra i suoi clienti molte star di Hollywood) e ora una giuria della Corte distrettuale di Boston, nel Massachusetts, le ha dato ragione, riconoscendo alla best sellerista anche i danni subiti per lo stress emotivo che le avrebbe causato ripercussioni anche sulla sua produzione di libri. 

Sarebbe accaduto, infatti, per la prima volta nella sua carriera, che la scrittrice non sia riuscita a consegnare nei tempi un nuovo romanzo. 

Patricia Cornwell, 56 anni, discendente di Harriet Beecher Stowe, l'autrice de La capanna dello zio Tom ha venduto più di 100 milioni di copie nel mondo con i suoi 20 libri che mettono in scena le avventure del medico legale Kay Scarpetta, è nota anche per le sue attività benefiche. 

Molto note sono l'istituzione di una borsa di studio presso l'università del Tennessee e la donazione della sua collezione di dipinti di Walter Sickert all'università di Harvard. 

Per la vincita della causa la scrittrice ha ottenuto un maxi risarcimento di 51 milioni di dollari, a fonte di un reclamo di ben 100 milioni di danni.

Fonti Libero

Pagina facebook del blog

2 commenti: