domenica 18 novembre 2012

In vetrina con Le mille luci di New York

Le mille luci di New York, titolo originale Bright Lights, Big City è il primo romanzo di Jay McInerney, scritto quando l’autore aveva soltanto 29 anni. 

Possiamo considerarlo un romanzo di formazione ed è ambientato nei locali alla moda della grande mela, tra libri, ragazze e droga. Io lo lessi in pochissimo tempo affascinato dalla storia e anche dal tipo di scrittura dell’autore - l’opera è scritta in seconda persona singolare

Incipit: 

Tu non sei esattamente il tipo di persona che ci si aspetterebbe di vedere in un posto come questo a quest'ora del mattino. E invece eccoti qua, e non puoi certo dire che il terreno ti sia del tutto sconosciuto, anche se i particolari sono confusi. Sei in un nightclub e stai parlando con una ragazza rapata a zero. Il locale è lo Heartbrack oppure il Lizard Lounge. Tutto diventerebbe più chiaro se potessi fare un salto in bagno a sniffare una bella riga di Tiramisù Boliviano. Una vocina dentro di te insiste che questa epidemica mancanza di chiarezza è già il risultato di un eccesso di biancolina. La notte ha ormai girato quell'impercettibile chiavetta con cui si passa dalle due alle sei del mattino...   

Per partecipare seguite le regole richieste al seguente post: Una settimana su facebook, oppure scrivete a ferrugianola@hotmail.com 



4 commenti:

  1. Io lo cercai dopo aver visto il (bel) film.
    Brett Easton Ellis e i minimalisti andavano forte all'epoca, ma Jay McInerney aveva una marcia in più.
    Consiglio a tutti sia il romanzo che il film, sebbene la seconda persona singolare sia una scelta "coraggiosa", diciamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il film non l'ho visto, ma il libro è splendido:-)

      Elimina