sabato 1 settembre 2012

Promuoviamo la lettura con la carta igienica

Tutto è nato dopo aver letto la notizia sul blog di un'amica che ha portato alla ribalta due giovani fratelli dello Stato di New York, Bryan e Jordan Silverman, rispettivamente di 18 e 22 anni. 

A tutta prima si tratta di un’idea brillante e sicuramente di prospettiva visto che i due fratelli hanno fondato addirittura una società e presto sulla soffice carta della Star Toilet Paper si potranno stampare annunci pubblicitari di vario genere.
Il tutto, naturalmente, con un inchiostro rigorosamente non irritante.

Solo che adesso arrivo io e aggiungo, visto che hanno fatto trenta perché non fanno trentuno? Perché non si crea anche una carta igienica con stampato sopra della buona e sana letteratura?

Certo non dico che bisogna mettere un romanzo, i problemi sarebbero troppi e poi ognuno dovrebbe usare il suo rotolo di carta. Già provate a immaginare se dividete il bagno con qualcuno cosa potrebbe succedere:

“Perché hai usato It che lo stavo leggendo io: ho perso tutto il terzo capitolo?”

Insomma cose del genere sarebbero all’ordine del giorno. Lo stesso, molto probabilmente accadrebbe con i racconti lunghi. Però qualche short story oppure qualche massima classica ci potrebbe stare bene.

Insomma acculturarsi con i maestri Latini, con le massime di Goethe, di Schopenhauer o qualche altro grande ceffo del passato non sarebbe male. Dopotutto si potrebbe accontentare anche i sederini più delicati con qualche frase a effetto di Volo o di Coelho.

Il successo della carta in ogni caso sarebbe garantito ☺

16 commenti:

  1. Arriva sul podio terza, perché il primo posto lo ha conquistato da chissà quanto tempo lo scottex, e il secondo ce l'hanno gli assorbenti femminili che contengono messaggi sulle buste.

    Comunque io voto per carta igienica stampata.. perché no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh cavolo, pensavo fosse una novità assoluta.
      Le donne sono imbattibili è proprio vero che ne sanno sempre una più del diavolo:-)
      grazie:-)

      Elimina
  2. Sarebbe un'idea magnifica! Racconti brevissimi, poesie... Mamma mia davvero sarebbe un'ideona! :) Facciamo Ferru? Al massimo aspetta n'attimo che mi laureo in economia così diventiamo pure belli ricchi sfondati ;) (fantasie.....).
    Comunque dai, a me piacerebbe un sacco sta cosa. Ovviamente niente romanzi lunghi, perchè altrimenti
    ''Ero al capitolo finale! Dove cazzo è finito?!''
    ''Io mi ci pulisco il culo col tuo capitolo finale!... Avevo il cagotto diamine!!!''

    RispondiElimina
  3. Io suggerisco di riportarci certe "opere" che non meritano fine migliore..

    RispondiElimina
  4. eheh, io avevo avuto l'idea da ragazzino: in uno dei miei primissimi raccontini umoristici compariva una ENCICLOPEDIA IGIENICA A ROTOLI SETTIMANALI... :D

    RispondiElimina
  5. Diciamo che certe opere se lo meriterebbero davvero di finire..."in der posto!"
    Che idea di....e qui mi fermo.XD

    RispondiElimina
  6. Sarebbe grandioso! sai quante file al gabinetto?
    -Scusi, ha finito?
    -Non ancora, devo capire se l'assassino è il maggiordomo oppure no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahha, già oppure "prima finisco il romanzo!"

      Elimina
  7. è la soluzione definitiva! Non vi è mai successo di non portarvi niente da leggere in bagno e ridurvi a leggere il retro degli shampoo e dei detersivi? Ora questo sarà solo un brutto ricordo!

    Il Moro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dash, come usarlo, accidenti lo so a memoria

      Elimina