martedì 12 giugno 2012

Mai letto Jay McInerney?

Non si tratta di uno scrittore di genere. Niente horror e niente fantascienza. Sotto certi aspetti non so neppure classificarlo. Brat pack letterario, come qualcuno sostiene? Una bella parola nuova trovata proprio in questi giorni.

Boh, sono perplesso.

Anzi, dirò di più, confesso di essere  balestrato. Confesso anche che Le mille luci di New York era stato uno dei libri che più mi avevano affascinato al momento della lettura. Ai tempi. 

Una scrittura particolare e un incipit di quelli strepitosi:

Tu non sei esattamente il tipo di persona che ci si aspetterebbe di vedere in un posto come questo a quest'ora del mattino. E invece eccoti qua, e non puoi certo dire che il terreno ti sia del tutto sconosciuto, anche se i particolari sono confusi. Sei in un nightclub e stai parlando con una ragazza rapata a zero. Il locale è lo Heartbrack oppure il Lizard Lounge. Tutto diventerebbe più chiaro se potessi fare un salto in bagno a sniffare una bella riga di Tiramisù Boliviano. Una vocina dentro di te insiste che questa epidemica mancanza di chiarezza è già il risultato di un eccesso di biancolina. La notte ha ormai girato quell'impercettibile chiavetta con cui si passa dalle due alle sei del mattino.

Quante volte mi sono riconosciuto in questa parte, con le dovute differenze. Peccato che il buon Jay in seguito non abbia più saputo suscitare in me le stesse emozioni, nessuno degli altri suoi lavori è riuscito ad appassionarmi, siano stati romanzi o racconti. 

Mi è piaciuto poco Riscatto, ambientato in un Giappone troppo distante dalla mia cultura e ho trovato terribilmente pesante Si spengono le luci

Un vero peccato, perché allora, all’inizio degli anni novanta era uno dei miei idoli.

10 commenti:

  1. Non lo disprezzo ma non lo raccomanderei a nessuno: anche nel mio caso un possibile innamoramento finito presto in delusione. Di suo ho letto Le mille luci di New York (voto 7+) e Professione modella (voto 7-) e i racconti di Com'è finita, in alcuni dei quali pareva un dilettante allo sbaraglio (voto 3). Il sonno dell'editor?

    RispondiElimina
  2. Allora la vediamo allo stesso modo. grazie:-)

    RispondiElimina
  3. Riscatto a me è piaciuto moltissimo - è la prima cosa di McInerney che io abbia letto.
    Ma è noto, io sono un nipponofilo.
    Il resto non è male.
    Credo sia un autore sottovalutato - era popolarissimo negli anni '80, poi è stato dimenticato, ed è un peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo dirlo io che tu sei Nipponofilo

      Io avevo letto in una giornata Le mille luci di New York, forse l'età, il periodo be' mi aveva colpito molto:-)

      Elimina
  4. Cosa succede se dico che non lo conosco? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sp che non sono il tuo genere, ma la cosa mi stupisce:-)

      Elimina
    2. Non si invecchia, si sgiovanisce :-)

      Elimina
  5. Neanch'io lo conoscevo. Ma da qualche parte lo segnalavano come uno dei pochi esempi (dignitosi) di narratore in seconda persona. Prima o poi leggerò "Le mille luci di New York".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' è un bel romanzo, di iniziazione, ma piacevole e con quella seconda persona è strano

      Elimina