giovedì 31 maggio 2012

Avventure di un erpetologo dilettante

Nonostante mi sia stato predetto che dovrò morire a causa degli effetti causati dal morso di un serpente velenoso io non rinuncio alla mia carriera di erpetologo dilettante. 

Sarà che dalle mie parti i soli rettili velenosi presenti sono le vipere e la possibilità di andare incontro a qualche inconveniente con conseguenze tragiche sono piuttosto rare - visto Ld50 è la quantità di veleno che potrebbero iniettarmi in caso di morso avrei tutto il tempo di salvarmi - così appena mi è possibile giro in campagna alla loro ricerca. Muri, siepi, non tralascio un luogo dove in passato ho rinvenuto la loro presenza.

Purtroppo quest’anno le cose non vanno molto bene. Non riesco a trovare nulla. Colpa del freddo? Bo!

Settimana scorsa mi è capitato tra i piedi un saettone ma sfortunatamente non avevo sotto mano il cellulare per poterlo fotografare e quindi attendo tempi migliori.

Dopotutto so che dovrò portare pazienza, perché i serpenti sono furbi. Molto furbi e mica si fanno trovare da tutti, ma sono paziente molto paziente e prima o poi vedrete che realizzerò un post degno del National Geographic.

Intanto il mio girovagare mi ha portato a scovare un altro bell’esempio di fauna locale. Certo la fotografia non rende merito alla bellezza del piccolo capriolo che vedete ritratto, ma c’era poca luce e non sono riuscito a fare di meglio. 
O forse ero soltanto impreparato. 
Non lo so.

La bestiola era accovacciata sotto il sentiero che stavo percorrendo, mimetizzata nel fogliame. Vi confesso che in un primo momento mi sono sentito anche un po’ a disagio credendola morta, poi l’ho vista muovere la testa e schiudere gli occhi e mi sono risollevato. Risollevato fino a un certo punto, perché subito dopo è subentrata una notevole dose di insicurezza su cosa fosse stato meglio fare. Il piccolo non sembrava spaventato e neppure ferito, ma che ci faceva lì?

Nel frattempo è sopraggiunta un'altra persona. Forse, più esperta di me, ha convenuto sul fatto che nei dintorni ci fosse la madre. Ha sconsigliato quindi di toccare il cucciolo per evitare che il nostro odore, rimanendo addosso al cucciolo, obbligasse la madre ad abbandonarlo.

Naturalmente non ho obiettato. Abbiamo controllato se c’erano tracce nei dintorni. Poi abbiamo deciso di lasciare le cose come stavano e ognuno e andato per i fatti suoi lasciando il piccolo lì dove era (al suo destino).

Due giorni dopo sono ripassato. Il cucciolo era scomparso. Non so che fine a fatto. Magari è stato divorato da una volpe, ma non si vedono segni di lotta e neppure tracce di sangue. Magari l’uomo che era con me è tornato, l’ha catturato e lo ha cucinato in salmì.

Potrebbe anche essere benché spero che sua madre sia tornato a prenderlo e che ora stia riposando beato in un posto più sicuro: accidenti almeno da piccoli non bisognerebbe mai soffrire per nulla.

24 commenti:

  1. Ahahah, bello il capriolo eh? Io vedo quasi quotidianamente una femmina che gira indefessa per il mio terreno. Il mio vicino l'altro giorno ha visto anche il maschio, quindi non escludo di imbattermi nel piccolo a breve. D'altronde è la stagione giusta. ;)
    Per quanto riguarda l'erpetologia sono una capra, però i serpenti mi affascinano. Vicino a una baracca che ho nell'orto c'è una tana di un serpente che vedo piuttosto spesso. Dalle mie parti lo chiamano uccellaia è tutta verde e sarà lunga un paio di metri. Tu sai cos'è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I più comuni sono i saettoni e i biacchi, più che verde sarà grigioverde è e allora è un saettone

      Elimina
    2. Ok, dalle foto sono quasi sicuro che sia un Saettone. Comunque è bello verde! ;)

      Elimina
  2. Waaaa bellissimo!
    - il capriolo solitario -
    Strano che non sia fuggito, comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piccolissimo, sua mamma deve avergli detto di non muoversi se vedeva passare dei deficienti come me
      LOL

      Elimina
  3. Fico il capriolo, in Veneto gli animali più grossi che mi è capitato di osservare sono le Lepri, mentre di rettili locali ho visto.delle tartarughe palustri ( ne ho salvata una da una macchina) e dei ramarri.
    Mentre per la fauna d' importazione ormai siamo invasi dalle nutrie, dalle tartarughe azzannatrici e dai gamberi della Louisiana.

    RispondiElimina
  4. Chi ha ucciso la mamma di Bambi? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah, bisogna trovare l'assassino, ho visto in Moon Base il vespaio:-)

      Elimina
  5. Quando ingrandisco la foto si vede bene: è dolcissimo! Speriamo davvero che sia arrivata la mammina :)
    Dei serpenti ho il terrore, lo sai, ma se ci fai un documentario accurato non posso non venire a leggerti :D

    RispondiElimina
  6. Se non ci sono più tracce, sarà passata la famosa anaconda gigante del Tirolo e lo avrà ingoiato tutto intero...

    :-)

    RispondiElimina
  7. Bellissimoooooooo! Non ho mai visto un capriolo dal vivo!
    Serpenti si, e quetso post mi piace perchè anche io amo i rettili.
    Mi fanno tenerezza perchè tutti ne hanno schifo o timore, ma ai miei occhi sono stupendi.
    Però non so riconoscere una biscia da una vipera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, è semplice, con un po' di calma:-)

      Elimina
    2. Esiste un sito veramente esplicativo con foto decenti?

      Elimina
    3. http://www.kingsnake.com/reptilia-italia/My_HomePage_file/serpenti.htm

      Elimina
    4. http://www.reptiliaexpo.it/vipera.html

      Elimina
  8. Fai benissimo a cercare serpenti Ferru! Tanto se quel che ti hanno predetto è vero sai che non morirai ancora :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.youtube.com/watch?v=Wj1kX4rnMPM, non ancora:-)

      Elimina
  9. Un piccolo Bambi :-) bellissimo!

    RispondiElimina
  10. Come posso inviarti una foto ed avere il tuo parere se si tratta di una vipera o no? Non riesco ad avere risposte ne dalla guardia forestale ne dai veterinari della mia zona ne tanto meno dalla sede zoo profilattico di Fermo.

    RispondiElimina