sabato 17 marzo 2012

Mai letto Ray Bradbury?

Io lo so che questo è uno scrittore che non tutti digeriscono, sarà perché a volte risulta patetico. Dopotutto lo penso un pochino anch’io. Però lo leggo. Anzi certi racconti li ho letti un sacco di volte. Ne esiste uno, per esempio che m’incanta, lo conosco quasi a memoria. È L’estate di Picasso, benché in alcuni volumi il racconto è apparso con altri titoli.

Ecco non ho letto romanzi. Neppure lo strafamoso Fahrenheit 451, ma insomma non me la sento di disprezzarlo, anche perché c’è stato qualcuno che leggendo il mio racconto, che aggiungo al post, mi ha paragonato a lui (lo dico con tutta la modestia possibile). 

Insomma dite la vostra riguardo allo scrittore e se per caso leggete il mio racconto aiutatemi a trovare un titolo: quello originale fa schifo.


Appena sentì il tocco sulla spalla, aprì gli occhi. Aveva dormito per un’ora ed era ancora mezzo rincoglionito. Riconobbe il volto di suo padre, ma per qualche istante non capì dov’era. Finché ricordò di essere in treno. Allora sogghignò al faccione serio che aveva di fronte e, mentre stiracchiava le gambe, voltò il capo e guardò l’orizzonte attraverso il finestrino.
La campagna era finita da un pezzo. Erano scomparsi i boschi, le montagne in lontananza e il lago. Adesso non scorgeva più niente di familiare. Nulla che gli piacesse; soltanto palazzi grigi, lunghi viali trafficati e luci colorate nel crepuscolo.
«Ancora dieci minuti e saremo in stazione» sussurrò suo padre.
Lui assentì, ma non distolse lo sguardo dal finestrino.
«Vedrai» aggiunse l’uomo. «Ti piacerà!»
“Ti piacerà!” ripeté a se stesso, e per un attimo avvertì il desiderio di piangere.
«Capisco ciò che stai provando» continuò suo padre. «L’ho sperimentato anch’io. Ricordo benissimo quando andai in collegio. Te l’ho raccontato tante volte. Il mio vecchio, tuo nonno, mi aveva comprato un vestito nuovo per l’occasione: un completo blu notte. Mi faceva sentire molto strano. Come se dovessi affrontare una prova di coraggio… E le mura dell’istituto quando arrivai: Gesù mio, che posto! Pareva una prigione. Dico sul serio. Pensavo che stesse cambiando tutto attorno a me, ma non ero infelice. Non sentirti triste.»
«Non sono triste!»
«So che non mi deluderai. Sei sempre stato un bravo ragazzo. Farai strada. Diventerai qualcuno. Ti abituerai, ne sono sicuro. Non fare i miei errori. È la scelta migliore che poteva capitarti. Non avere paura.»
Si girò a guardarlo. «Non ho paura!»
«Già! Hai quattordici anni ormai. Sei grande.»
«Lo so.»
«Quella ragazzina, come si chiama?»
Glielo disse.
«La dimenticherai, puoi esserne certo. Tra qualche mese scorderai addirittura il suo nome. Conoscerai altre ragazze. Ti innamorerai, ne sposerai qualcuna e avrete dei figli. Sarete felici. Così vanno le cose. Ora, però, vai a lavarti la faccia, siamo quasi arrivati.»
Ubbidì. Si alzò e attraversò la carrozza sino alla toilette. Entrò, chiuse la porta alle sue spalle, fece pipì in equilibrio precario e poi sciacquò gli occhi e le guance con l’acqua fredda davanti allo specchio. Si soffermò a osservarsi il viso: era emaciato e si vedeva diverso. Forse aveva ragione suo padre.
Ritornò da lui nel momento in cui il treno imboccava, rallentando, una delle arcate d’acciaio della Stazione Centrale. Attese in piedi che si fermasse, poi aspettò che suo padre levasse le borse dal portabagagli.
Scesero. Suo papà portava il bagaglio e lui lo seguiva rimanendo sulla destra. Percorsero i lunghi e lucidi corridoi interni in silenzio, tra la folla che li guardava curiosa.
Suo padre aveva il bagaglio ma era come se lo portasse lui: un peso da trascinare senza parlare per chissà quanto tempo. Scesero una larga scalinata e oltrepassarono le biglietterie e alla fine sbucarono sul piazzale della Stazione nelle luci della sera che parevano mosse dal vento.
Ma non si trattava di un disturbo del vento; era il calore dell’astronave a creare l’effetto. Era proprio lì davanti e rimase senza fiato. Non credeva che facesse questa sensazione vista da vicino. Era molto più grande di quello che aveva sospettato e occupava tutta la piazza di fronte all’Hotel Gallia.
Avvertì davvero un po’ di timore a questo punto e si strinse a suo padre mentre si avvicinavano timidi all’ufficio di imbarco.
La ragazza dietro il banco sobbalzò sulla sedia appena li vide. La osservò guardare suo padre, e notò quando gli lanciò un’occhiata mista di stupore e di meraviglia. Alla fine si compose sullo sgabello e sorrise. «Avete i documenti?» chiese.
«Solo lui parte» disse suo padre.
«Oh» rispose la ragazza. Tornò a osservarlo curiosa. «E dove vai?»
«Diglielo» lo supplicò suo padre.
«Do… Dogon» balbettò.
«Sul sistema di Sirio B?» chiese la ragazza.
«Aha, in collegio» rispose.
«In collegio… che bravo.»
Lui sorrise.
«Non avevo mai visto un terrestre» disse la ragazza senza levargli lo sguardo di dosso. «Siete una rarità. Dicevano che eravate estinti.»
Suo padre sogghignò. «Siamo duri a morire.»
La ragazza alzò le spalle. «Lo vedo.»
Lui non disse nulla. Si limitò ad ascoltare e sedette in disparte ad aspettare che papà finisse con le procedure necessarie alla partenza. Guardò di nuovo l’astronave. Risplendeva trasparente nel chiaroscuro della sera e metteva soggezione. Pareva pronta al decollo e c’era una fila di viaggiatori pronta per l’imbarco.
Dieci minuti e sarebbe stato uno di loro. Poi via. Sei mesi a zonzo tra le stelle, giorno più giorno meno. Sei mesi su una nave spaziale, finché sarebbe sbarcato su un pianeta che orbitava attorno a una stella di cui conosceva l’esistenza solo grazie ad alcuni libri che aveva letto. La sua nuova casa per i successivi dieci anni. Un collegio per il suo avvenire. Dieci anni di nuove scoperte, emozioni, nuove tristezze e malinconie.
Pensò che sarebbe cambiato tutto della sua vita, ma sarebbe stato forte. Avrebbe mangiato pietanze particolari e avrebbe incontrato esseri diversi. Avrebbe imparato una lingua diversa e forse sì, si sarebbe innamorato di un'altra ragazza. Probabilmente si sarebbe sposato e avrebbe avuto dei marmocchi, come sosteneva suo padre. Magari avrebbe perso la testa per una donna uguale a quella che lo aveva appena accolto.
Sorrise e la guardò di nuovo.
Pensò che il colore verde della pelle e gli occhi rosa dello sguardo non fossero poi così strani una volta visti da vicino, ma l’odore no. Quello strano e intenso aroma misto di agrumi e candeggina che emanavano era proprio duro da digerire. No, difficilmente si sarebbe abituato a una di loro, neanche in dieci anni di tempo.

32 commenti:

  1. Non sono riuscito a farmi un'impressione, questo è il primo racconto suo che leggo.
    Il racconto è stato piacevole, ma non appassionante xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa a rileggere il commento noto che è incasinato xD
      Il racconto di cui parlo è l'estate di Picasso.

      Il tuo invece mi ha lasciato spiazzato sul fatto dell'astronave ahahha, ho riletto astronave un paio di volte pensando di essermi confuso, una cosa che non ci si aspetta.
      Per caso hai anche scritto di come è il collegio? u.u

      Elimina
    2. Ho un romanzo che parla del collegio... credo che questo racconto ci abbia a che fare:-)

      Elimina
  2. bello il tuo racconto! di Bradbury ho letto solo Fahrenheit 451, e mi è piaciuto, ma non ho mai approfondito ulteriormente lo scrittore...

    RispondiElimina
  3. Di Bradbury ho letto solo Fahrenheit 451, che mi è piaciuto molto.
    Il tuo racconto qua sopra mi è piaciuto molto pure... l'ultima frase mi ha colpito un sacco, mi sembra di sentirne l'odore!!!!! (e mi fa pure un po' schifo l'odore!) :))
    Qual è il titolo che dici che fa schifo? io ci sto pensando, un po' poco seria però...
    "Agrumi e candeggina"
    "Dieci anni" / "Nemmeno in dieci anni di tempo"
    "Occhi rosa"
    "Siamo duri a morire"
    "Il completo blu notte"
    "Destinazione Sirio B"
    :))

    RispondiElimina
  4. Mai letto Bradbury, anche se mi riprometto sempre di farlo :)
    Il tuo racconto è carino. Sapevo di dovermi aspettare qualcosa di peculiare, nel mezzo della normalità, ma l'astronave mi ha spiazzata lo stesso. Bello anche il particolare dell'odore della ragazza.
    Quanto al suggerire un titolo, non ci provo proprio: faccio già fin troppa vergogna con i miei X)

    RispondiElimina
  5. Mai letto! Credo.
    Bello il tuo racconto, spiazza :D

    RispondiElimina
  6. Bello l'effetto di estraniamento che ottieni quando compare l'astronave. Fino a quel punto un racconto ambientato agli inizi del Novecento.
    Io adoro la fantascienza. Mi è piaciuto molto.
    Di Ray ho letto solo Cronache Marziane. Ha uno stile molto visionario, soprattutto se paragonato a quello molto realistico di Asimov. Un autore che mi riprometto di leggere appena avrò finito di studiare, visto che adesso devo ingoiare non so quanti autori italiani per laurearmi...

    RispondiElimina
  7. Ferru, simpatico il racconto :)
    Un titolo? "Duri a morire", oppure "Neanche in dieci anni". Fanno schifo, era per farti vedere che per quanto schifo facesse quello originale c'è sempre di peggio :)

    Bradbury è un grande, neanche a dirlo.

    RispondiElimina
  8. Patetico?
    Patetico è chi giudica Bradbury tale.
    Ray è universalmente riconosciuto come "il Poeta della Fantascienza".
    I suoi racconti sono toccanti, bellissimi, unici.
    Recupera una raccolta, tipo 34 racconti: dentro ci troverai perle come Rombo di Tuono, Delirio, Ricamo, La Centrale, Il meraviglioso vestito color gelato alla panna e parecchi altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ho Luca, letto
      volevo provocare chi ha mi detto di trovarlo patetico, io direi che a volte è un po' troppo sentimentale, però anche a me piace tantissimo:-)

      Elimina
  9. Sfondi una porta aperta, Bradbury e' uno dei miei scrittori preferiti in assoluto. Preferenze? Paese d'Ottobre, Il popolo dell'autunno e Farenheit 451..... Leggi Il cimitero dei folli, secondo me ti piace :)

    RispondiElimina
  10. Farenheit 451, fu una delle prime letture mie, che posso definire, impegnate; pochi giorni dopo, lessi Redenzione Immorale, di altro famosissimo autore... Fu un mese strano, perchè furono due letture molto intense, profonde, di quelle che ti lasciano qualcosa, anche nella vita... Correva l'anno 1989...

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo questo scrittore, e non posso darne un giudizio dopo aver letto solo un racconto; il pezzo in questione mi piace e credo che qundo parla di extraterrestri , voglia estraniarsi dal mondo in cui vive, probabilemente per l'abbandono della sua ragazza. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  12. non conoscevo questo scrittore, ma mi piace molto il tuo racconto, sei molto bravo, complimenti.

    RispondiElimina
  13. mi piace come scrivi, un racconto davvero intrigante!!!
    complimentii!!

    Bradbury è stato un grande!
    Ci ha fatto sognare, viaggiare nel tempo e nello spazio, ci ha parlato di noi raccontando il futuro, ha immaginato cose che sono diventate realtà, ha capito prima e meglio di altri l'evoluzione delle tecnologie e come avrebbero cambiato la nostra vita.

    RispondiElimina
  14. in genere leggo i classici e gli autori contemporanei non li conosco, tra cui Bradbury. Tu scrivi bene, il tuo racconto mi è piaciuto a metà, dopo l'arrivo del treno cambia atmosfera, diventa più incalzante e mette curiosità.

    RispondiElimina
  15. trovo i tuoi post sempre molto interessanti, li leggo con molto piacere! laura p

    RispondiElimina
  16. che bello questo racconto...sei davvero molto bravo

    RispondiElimina
  17. Lo scrittore non lo conosco ma volevo assolutamente farti i complimenti per il tuo racconto...scrivi benissimo, coinvolgi davvero!!! Un titolo...sinceramente non saprei...Vediamo... L'Infinito spazio...magari...davvero non so buttato lì :)Comunque davvero bravo!

    RispondiElimina
  18. Non leggo i classici e ho poca cultura sugli autori contemporanei. Ma il tuo articolo è davvero ben scritto e mi ha fatto venire voglia di leggere!

    RispondiElimina
  19. Non conosco lo scrittore che hai citato, ma il tuo racconto è bellissimo,complimenti :-)

    RispondiElimina