domenica 11 marzo 2012

I piaceri semplici dell’anima

Mentre termino di preparare l’articolo che prospetta i miei cinque futuri tra dieci anni, lo posterò giovedì o venerdì prossimo, approfitto di questa giornata domenicale per cercare di elencare dieci piccole cose semplici semplici che danno piacere alla mia anima. 

Si tratta di un suggerimento che ho ricevuto da Paola De Toma, tramite un articolo pubblicato sul suo blog: Quello che ci piace.

Be’ non si tratta, come capirete, di inserire quelle voci così essenziali per la mia vita del tipo mangiare, bere, amare, scrivere… Pieno di difetti e attratto dai piaceri  sino al midollo non vedo in che modo potrei riuscire a sottrarmi dall’elencarli, se fosse quello ciò che mi è richiesto.

Però se ci penso, mi rendo conto, che forse dieci piccole cosettine che mi fanno star bene o mi hanno fatto stare bene per qualche istante ci sono e senza cercare di coinvolgere altra gente, abbiate pazienza ma non è nel mio Dna lanciare meme, vi invito a fare il vostro elenco, oppure se volete a trattarlo sul vostro blog. Certo ne può uscire un quadro psicologico complesso, ma può essere anche divertente. 

Ecco i miei:

Rimanere a letto a guardare la neve scendere

Sentire la musica in auto da solo

Decollare in aereo

Annusare il mare

Cercare vipere

Parlare ai gatti

Vedere l’arcobaleno

Trovarsi addosso una coccinella

Tornare a casa dopo un viaggio

Restare completamente al buio per qualche minuto

49 commenti:

  1. Tutte cose molto belle e rasserenanti (Davide parlerebbe forse di "piccole cose Zen"), tranne forse il cercare vipere, che mi inquieta un po' :)

    RispondiElimina
  2. Spero che le vipere non facciano una brutta fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le fotografo, ma presto ci faccio un libro.
      A proposito hai letto i miei racconti?

      Elimina
  3. Sono molteplici i piccoli piaceri che rendono gradita la vita. Ne elenco solo 8 (anche perché gli altri due potrebbero essere vietati ai minori... :)

    Svegliarsi la mattina alle cinque per andare al lavoro e mentre ti radi tua moglie ti dice che è Domenica;

    arrivare al "verde" alla fine del mese e ritrovare una banconota da 5 euro dimenticata in una tasca della giacca;

    guardare tuo/a figlio/a ed accorgerti improvvisamente che è cresciuto/a;

    svegliarsi con brividi di freddo ed accorgersi di essere in ammollo da ore nella vasca da bagno;

    trovarsi per la prima volta in una città e nel passeggiare sentire una voce lontana che chiama il tuo nome;

    passare davanti ad una "profumata" vetrina di pasticceria;

    prendere a calci il "lavavetri" al semaforo;

    vedere l'espressione della zingara che ti ha appena "tirato" una maledizione mentre le fai il "redirect" con uno specchietto in una mano e 'nu "curniciello" nell'altra.

    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah però si sono andato sull'anima, anche con me sarebbero tutti vietati ai minori

      Elimina
  4. Bravo ferru, piaceri dell'anima e non con bollino rosso, troppo banali,troppo scontati...Grazie per aver giocato...Mi incuriosiscono le vipere, quasi quasi mi unisco a te per una gitarella.Ciaoooooo.

    RispondiElimina
  5. Bravo ferru, piaceri dell'anima e non con bollino rosso, troppo banali,troppo scontati...Grazie per aver giocato...Mi incuriosiscono le vipere, quasi quasi mi unisco a te per una gitarella.Ciaoooooo.

    RispondiElimina
  6. Beh, se è vero che la ricetta della felicità sta nelle cose semplici, tu hai elencato degli ingredienti perfetti. "Andare a caccia di vipere" non mi scandalizza, ma "decollare in aereo" sì... non ho mai detto di essere una persona normale! Bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, non sono così filosofo Romina, ma gari bastassero, però sono tutte cose che mi piacciono o mi emozionano

      Elimina
  7. Parlare ai gatti è bellissimo, è un piacerissimo anche per me, più che parlare "viverli" in toto, anche se io non ne ho. Almeno loro ti comprendono...
    Il decollo in aereo è una sensazione molto forte, se poi il velivolo sale velocemente pare davvero di entrare in un'altra dimensione!

    RispondiElimina
  8. Grazie Ferru, ora so che articolo fare uscire domani ;-)

    RispondiElimina
  9. Belli i tuoi punti, Ferru ;) In alcuni mi ci rispecchio!
    Credo che ti imiterò presto, in un prossimo post ;)

    RispondiElimina
  10. Ne abbiamo uno in comune

    1) L'arcobaleno
    2) trovare l'abito dei tuoi sogni super scontato
    3) mangiare la nutella a cucchiaiate
    4) il profumo dell' erba dopo la pioggia
    5) ascoltare le 'quattro stagioni' di Vivaldi a lume di candela
    6) miei alunni che mi dicono che sono bellissima
    7) vincere ai giochi da tavolo, forse perche' succede molto raramente
    8) fare le bolle di sapone, meglio con le mani
    9) essere in acqua, sentirne il suono e respirarne il profumo
    10) restare incantati davanti a un' opera d'arte

    Tea P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) gentile

      I miei alunni hanno dai 3 ai 5 anni

      TP

      Elimina
    2. Me ne ero quasi dimenticata

      TP

      Elimina
    3. Tea P ti segue ufficialmene, da oggi come Ape Regina

      Elimina
  11. Le prime tre che mi vengono in mente:
    - una serata casalinga con mia moglie
    - lo sguardo del mio cane
    - il vento sulla faccia quando vado in moto

    RispondiElimina
  12. Tornare a casa dopo un viaggio è bellissimo anche per me, avrei dovuto elencarlo anche io!! :)
    Cercare vipere, invece, no... in questo non concordo proprio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace viaggiare, ma adoro anche tornare a casa. farmi un bagno e dormire nel mio letto:-)

      Elimina
  13. Bell'elenco!!! ^___^
    Ora ci penso un po' e compilo il mioooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forza sotto che voglio venite a leggere :-)

      Elimina
  14. Questo te lo copio spudoratamente... ;)

    RispondiElimina
  15. Post delicato e piacevole, che mi ricorda un po' quel vecchio bestseller La prima sorsata di birra e col quale condivido almeno un paio di punti (coi gatti ci parlo quotidianamente, e adoro quando l'aeroplano decolla).
    E ci aggiungerei:
    • leggere un libro che mi piace, in un posto che mi piace, e senza essere interrotto.
    • Fare un regalo ad un amico e poi osservare l’espressione sul suo viso mentre apre il pacchetto e scopre che contiene il regalo che così tanto desiderava.
    • Incrociare lo sguardo di una sconosciuta carina.
    • sognare di volare.
    • Ascoltare accidentalmente qualcuno dire qualcosa di bello su di me.
    • Un acquazzone estivo che rinfresca una giornata torrida.
    • Ascoltare il ticchettare di un tacco dodici sull'asfalto.
    • Trovare un parcheggio libero esattamente dove mi serve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, s' ottimi piccoli piaceri quotidiani anche i tuoi

      Felice che ti sia piaciuto il post:-)

      Elimina
  16. Stare su un aereo al decollo, quoto.
    E con Yeeshaval qua sopra mi sento praticamente gemellato, aggiungendo:
    - entrare in un bar il sabato mattina e trovare un cornetto alla marmellata d'albicocche (che normalmente è rarissimo);
    - ricevere una telefonata inattesa da un amico;
    - restare sotto la doccia più del necessario con la radio accesa a basso volume;
    - arrivare alle casse del supermarket e in quel momento esatto apre una cassa davanti a me;
    - perdersi con la macchina e scoprire nuove e bellissime stradine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca, ormai quella del cornetto la conosce tutto il mondo. Hai fatto anche un post sul tuo blog una volta. :-)

      Elimina
  17. Eh, lo so. Ma era e resta un piacere raro. ;D

    RispondiElimina
  18. essere svegliato dalla pioggia
    gudare piano sotto la pioggia in una strada tra le colline
    sentirmi l'odore del mare addosso
    passare le dita tra i capelli incrostati di sale
    svegliarmi con l'odore del caffè
    cominciare a leggere un nuovo libro
    perdermi in libreria per ore, sin quando mi accorgo che è scesa la notte
    scoprire un sorriso dove pensavo non potesse mai esserci
    addormentarmi tardi senza avere la sveglia il giorno dopo
    cantare a squarciagola in auto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. e poi, l'odore della macchia sarda quando, di notte, scendo dalla scaletta dell'aereo. Ogni volta mi allarga il cuore

      Elimina
  19. Bellissimi tutti. Io ne ho qualche altro, forse non del tutto apprezzabili, oggi:
    •Addormentarmi cullato dal suono battente della pioggia.
    •Condividere un pasto con degli amici, magari solo pane e
    formaggio,
    accompagnandolo con un bicchiere di vino rosso.
    •trattenere la voglia di reagire male accendendo una sigaretta eassaporando il potere risarcitorio del rogo in effigie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, la terza peccato, che fumo più

      Elimina
    2. Una domanda mi assilla, caro Ferruccio. per mestiere e vocazione seguo tanti e tante situazioni terminali di cancro e spesso sono perplesso: è il fumo che genera il cancro o è il cancro che fa fumare di più? Questo le statistiche puramente numeriche non lo possono dire.

      Elimina
  20. - cenare con amici
    - perdermi nella pulcretudine dei miei luoghi preferiti,(roma,dolomiti,mandello sul lario)
    -fare lunghe chiacchierate libere ,senza difese o altro esporre tutto quello che mi passa per la strada ,sperando che lo facciano anche gli altri
    - leggere,guardare cinema,ascoltare musica

    -camminare

    -stare a mollo nella vasca

    -esser in qualche modo un soggetto politico attivo

    -ballare,scaricare la tensione con danze degne del ballo di san vito

    -conoscere gli altri, incuriosirsi dei mondi diversi che ogni uomo è.

    Queste cose mi fan stare bene

    RispondiElimina
  21. Bello questo post,vediamo un pochino quali sono i dieci piaceri che mi fanno star bene
    1) Rifugiarmi nei miei pensieri,chiudere gli occhi per vedere chi non è più con me ;
    2) Leggere ;
    3)Sorseggiare un buon caffè;
    4)passeggiare sopratutto in campagna;
    5)passare interi pomeriggi in cucina;
    6)risolvere rebus e fare le parole crociate crittografate;
    7)Ascoltare della buona musica;
    8)Andare (assolutamente da sola)in libreria e leggere di tutto e di più;
    9)Giocare con i miei piccoli nipotini e "studiare" tutte le loro mosse e parole,a tal proposito te ne racconto una fra le tante accadute in questi giorni:Andrea (5 anni) appoggia le sue mani sulle spalle di Riccardo (2 anni) e gli dice "Riccardo ricordati che quando andrai alla scuola materna dovrai INTERAGIRE...Riccardo lo guarda e continuando a succhiare il suo ciuccio (immagina la scena)sempre più velocemente,gira le spalle e si allontana...la scena voleva filmata,rido ogni qualvolta me la ricordo :-)
    10)Sognare ad occhi aperti ...

    RispondiElimina