giovedì 1 marzo 2012

Cover di primavera

Post musicale per inaugurare il mese di marzo. 
Che c’è di meglio? Giornate più lunghe, giornate più calde, se anche la musica è azzeccata siamo a cavallo e magari qualcosa di OT serve a spezzare un attimino l’ambiente dei libri e della scrittura. 

Cinque brani come al solito e questa volta ho tutta l’intenzione di riproporre il giochino che avevo lanciato in un sondaggio con una canzone di Elvis Presley in questo articolo del 2010. Lo ricordate?

Stavolta il brano scelto da coverare e dei miei cari Velvet Underground.
Qual è che trovate più bella?
Io sono indeciso tra due.

Japan

Brian Ferry

Jeff Buckley

The Black Angels

Nick Cave

12 commenti:

  1. O Ti decidi a inserire qualche brano Jazz, almeno il 29 Febbraio di ogni anno, O Ti tolgo la mia stima e manderò qui Maynard, il kentoniano che ti perforerà le orecchie e ti spedirà in cielo!
    ps - :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank ti dedicherò un post a breve, parleremo di jazz, di tramonti ull'oceano, di donne infelici e di duri con la barba sfatta:-)

      Elimina
  2. Ferru, "... magari qualcosa di OT serve... " e io ne ho fatto uno doppio solo per mandarti a conquistare le vette... non mi assumo responsabilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. conquisterò le vette, non avrai responsabilità
      e poi vivo sui bricchi:-)

      Elimina
  3. Mi hai messo per primi i Japan, e mi bastano! GRANDE! :D

    RispondiElimina
  4. Senza dubbio scelgo Jeff Buckley.

    RispondiElimina
  5. C'è da pensarci? I Japan! C'è David Sylvian!
    La scelta non è certo facile, sono ottime cover. Quella di Brian Ferry di meno, ha prodotto di meglio.

    RispondiElimina
  6. Oggi, che poi è stato l’altroieri, e la credenza popolare che ci vorrebbe creduloni, e noi che guardavamo all’“Anno che verrà” e ti vediamo solo oggi, “Tu sconosciuto vecchio o giovane stupido, che da domani hai deciso di metterti a suonare e Tu che ancora devi nascere, Tu che chi sa cosa ci farai ascoltare” e TU, che oggi non sei più tra noi e una città ti abbraccia e una nazione intera, senza di te…
    (Lucio Dalla – 1943/2012)

    http://blog.robinedizioni.it/frank-spada

    RispondiElimina