mercoledì 22 febbraio 2012

Consigli letterari di Brian Garfield

Avete presente Il giustiziere della notte? È un film del 1974 interpretato da uno strepitoso Charles Bronson

Si tratta di uno di qui film che mi viene voglia di vedere tutte le volte che lo trasmettono, sebbene adesso è un bel po’ di tempo che non ne sento parlare.

Forse non ne avrei accennato neppure io oggi, se per caso non mi fossero capitate sottomano queste dieci regole per creare suspense realizzate da Brian Garfield.

E chi è Brain Garfield?
Be’ e l’autore del romanzo da cui è stato tratto il film.
Ora il libro non l’ho mai letto, ma il film ripeto, mi era piaciuto e continua a piacermi molto, quindi dubito che queste dieci regole non possano in qualche modo servire.

Servono principalmente per creare suspense, la cui funzione è quella di scatenare delle reazioni emotive ne lettore. Emozioni di qualsiasi genere: tensione, attesa, paura o quant'altro.

Be’ sono facilmente adattabili alle esigenze di qualsiasi romanzo, per conto mio.

Cominciate con l'azione; spiegherete in un secondo momento

Rendete le cose difficili per il vostro protagonista

Pianificate in anticipo; sarete ripagati più tardi

Date l'iniziativa al protagonista

Date al protagonista una motivazione personale

Date al protagonista uno stretto limite di tempo, e quindi accorciatelo.

Scegliete il vostro personaggio in base alle vostre capacità.

Conoscete la destinazione prima di partire.

Non correte dove gli angeli hanno paura a camminare., nuovi talenti.

Non scrivere nulla che non vorresti leggere.

17 commenti:

  1. L'ultima per me è un dogma ahah.
    La pianificazione è una cosa utile, ma a volte penso ci stia anche bene un po' d'improvvisazione u.u

    RispondiElimina
  2. Molto buoni, soprattutto l'ultimo e il primo.

    RispondiElimina
  3. "Date al protagonista uno stretto limite di tempo, e quindi accorciatelo." <--- Questa è bellissima. E' un modo geniale di pensare una storia.

    Questa non l'ho capita, francamente. ---> "Non correte dove gli angeli hanno paura a camminare., nuovi talenti."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che voglia dire non impegolarsi in cose che non si conoscono?

      Elimina
    2. Io l'ho intesa come: "Se i grandi autori non ci riescono, non provarci tu che sei agli inizi", ma potrei sbagliarmi!
      Comunque bel post e ottime regole...

      Elimina
  4. Qual'è il vero segreto del successo? Un buon consiglio, secondo me, sarebbe che qualcuno di questi "mostri sacri" ci indicasse in quale negozio si è rivolto per comperare, che so', un paio d'etti di talento. Ma più ancora... a quale Santo s'è rivolto... :-)

    RispondiElimina
  5. Beh, non è che siano tanto diversi dai consigli di scrittrura degli altri autori, o no?

    RispondiElimina
  6. Interessanti anche questi. L'ultimo punto sta alla base di tutto :)

    RispondiElimina
  7. Garfield era un grande amico (e, in un paio di occasioni, co-autore) del mitico, nonché rimpianto, Donald E. Westlake (http://www.francobrain.com/literae/westlake.htm).

    RispondiElimina